smaller-iPad-pro-9.7-inchPraticamente è stato un accerchiamento. Per risollevare il mercato dei tablet che perdeva un po’ colpi, Apple ha pensato bene di seguire una strada un po’ contorta: prima ha lanciato l’iPad Pro a 12 pollici sapendo bene che avrebbe avuto successo solo nel mondo business, in pratica quello di disegnatori, progettisti, architetti. Poi ha piazzato il colpo finale, ed ecco arrivare la versione Pro più iPad che c’è. Ovvero quella da 9.7 pollici. Perché diciamolo: ogni tentativo di derogare a una misura diventata standard non ha mai scalfito quella che è la forma più desiderata dei tablet. Il Mini è pratico ma è stato un po’ “mangiato” dall’iPhone 6 Plus, il 12 pollici è appunto uno strumento professionale. L’iPad pro 9.7 invece è quello che serve: l’esperienza definitiva con un iPad. Le prime impressioni infatti confermano che stiamo parlando di uno strumento avanzato, quasi decisivo nel passaggio alla generazione no-pc (anche se ci vorrà ancora un po’ di tempo). In pratica: oltre a quello a cui siete abituati con un iPad Air, il Pro ci mette in più funzioni che lo rendono completo per un uso sia ludico che lavorativo. E soprattutto stiamo parlando dell’audio a 4 speaker orientabili (non cambia l’effetto se girate il tablet da portrait a landscape) e della fotocamera 12 megapixel che è il massimo disponibile – iPhone compreso – ed è dotata di tutti i filtri e i flash che Apple e può mettere in gioco. E poi anche la cover/tastiera, davvero pratica e con alcune funzioni che semplificano (e di molto) la scrittura. Risultato: wow.

Poi c’è anche l’uso dell’Apple Pencil e se, personalmente, con l’iPad Pro 12 pollici ero un po’ scettico, in questo caso la misura e la portabilità del 9.7 ha convinto anche me. Soprattutto per la disponibilità di alcune applicazioni che – grazie al multitasking avanzato – consento scorciatoie rapide e facili per ogni tipo di lavoro. E per dire: l’iPad Pro 9.7 fa anche da scanner. Insomma: non è vero che non c’è niente di nuovo a Cupertino: cambiare l’iPad non era un compito facile. Ma ad Apple ci sono riusciti.

Questo l’esempio di applicazioni utili per chi acquista iPad Pro 9.7:
GOODNOTES Permette di prendere appunti scritti a mano belle e annotare i documenti PDF. Le note scritte a mano sono ricercabili e vengono create utilizzando un motore di inchiostro innovativo. Grazie a iCloud i documenti in GoodNotes vengono sincronizzati automaticamente tra iPad e iPhone.
PROCREATE 3 Schizzi , pittura e illustrazione: è un’app contenente la cassetta degli attrezzi di un artista completo. Il chip A9X di iPad Pro consente di creare enormi opere d’arte fino ad una risoluzione 16K, con la capacità di produrre alla velocità di 60 fotogrammi al secondo. Ci sono 128 pennelli da sfruttare appieno grazie alla sensibilità per la pressione di Apple matita , con il rilevamento di inclinazione,  il riconoscimento del palmo della mano che può essere appoggiato senza problemi sullo schermo,  consentendo linee sottili ed effetti di ombreggiatura.
ADOBE COM CC Tra le varie app di Adobe questa consente ai progettisti di creare in mobilità layout complessi costruiti utilizzando strumenti professionali. Forme semplici come quadrati e cerchi si trasformano in immagine attiva , mentre l’aggiunta di un punto alla fine di quelle forme è in grado di trasformare il testo in un bbokmark.  Utile per un brainstorming di idee con i clienti e per poi  quindi completare i disegni sul desktop.
UMAKE E’ un’applicazione potente che permette agli utenti in modo rapido e intuitivo disegno e condividere le proprie idee in 3D.

Questi i prezzi di iPad Pro 9.7:
Solo Wifi 689 euro (32 Gb), 869 euro (128 Gb), 1049 euro (256 Gb)
Wifi+cellular 839 euro (32 Gb), 1019 euro (128 Gb), 1199 euro (256 Gb)

Tag: , , , ,