P9E’ chiaro a tutti che una delle componenti principali per cui oggi si sceglie un telefono è la fotocamera. Ecco perché la lotta dei megapixel non conosce confini e perché un brand aggressivo come Huawei abbia scelto di fare copia con Leica per il nuovo P9, smartphone che unisce il meglio di hardware e software: dalle lenti ottiche ai sensori, fino agli algoritmi di elaborazione delle immagini che offrono agli utenti la possibilità di realizzare scatti di altissima qualità. Il tutto appunto grazie alle lenti ottiche Leica, rinomate per la precisione e l’attenzione ai dettagli.  Le fotocamere posteriori del P9 sono addirittura due e lavorano insieme per consentire agli utenti di creare immagini con dettagli, profondità e colori ottimizzati; in più garantiscono l’eccellenza dell’immagine anche in condizione di scarsa luminosità, poiché il sistema doppio dà maggiore luce e accuratezza dei dettagli dell’immagine.  Gli utenti possono scegliere a seconda delle proprie preferenze tre diversi Leica Film Mode (Standard, Colori Intensi e Colori Tenui) e  ciascuna modalità utilizzata rende fedelmente il colore e lo stile di Leica. Selezionando invece la modalità monocromatica, è possibile utilizzare il proprio dispositivo come una vera e propria macchina fotografica in bianco e nero per catturare immagini suggestive e di altissima qualità. La messa a fuoco avviene sulla base di tre funzionalità – laser, calcolo della profondità e contrasto – e seleziona automaticamente quella che produce il miglior risultato in un determinato ambiente.

Poi c’è in ogni caso lo smartphone, con il suo design che mantiene lo stesso Dna minimalista di tutti i precedenti prodotti top di gamma della serie “P” di Huawei con il display 2.5D, alluminio della qualità usata nelle missioni aerospaziali e bordi a taglio di diamante con curvature attentamente bilanciate. La versione Ceramic White di P9 ricorda la carrozzeria di un automobile di lusso, e riflette e rifrange la luce mostrando diverse tonalità di colore a seconda del cambiamento delle condizioni ambientali. Riguardo alle prestazioni P9 ha un display da 5.2 pollici a 1080p, integra il nuovo processore Kirin da 955 2.5Hz a 64-bit per le migliori prestazioni della sua categoria, la batteria è da 3,000mAh ad alta densità. C’è anche il  P9 Plus con display Press Touch da 5.5 pollici e una batteria più potente da 3.400mAh con ricarica rapida che consente agli utenti 6 ore di conversazione dopo soli 10 minuti di collegamento alla presa. P9 e P9 Plus hanno una tripla antenna virtuale progettata per gli utenti che necessitano di una connettività affidabile e senza interruzioni su reti cellulari e WiFi, in modo da sfruttare appieno la velocità di internet indipendentemente dal luogo in cui si trovano, e sono dotati di sensore di impronte digitali che permette di accedere al proprio smartphone in modo rapido e sicuro.

Huawei P9 sarà disponibile nei colori Mystic Silver e Titanium Grey da metà mese al prezzo di 599 euro. Huawei P9 Plus sarà disponibile a maggio nella colorazione Quartz Grey al prezzo di 749 euro. Chi lo preordinerà fino al 20 aprile (su consumer.huawei.com/it, nei principali punti vendita della grande distribuzione specializzata e nei negozi degli operatori di telefonia) avrà un posto riservato nel workshop sulla “street photography” che vedrà la partecipazione di fotografi professionisti del National Geographic. Oppure si potrà optare per il corso di fotografia di Joel Sartore del National Geographic composto da 24 lezioni in 8 DVD.

Tag: , , , ,