googleDa 300 milioni a 3 miliardi. Questo ci ha raccontato ieri Google: dalla sua nascita – 17 anni fa – ad oggi, così è cambiato il numero di persone collegati online. Prima solo un Pc, oggi  principalmente da un dispositivo mobile. ecco perché  la missione dell’azienda è cambiata e adesso si pone di “organizzare le informazioni a livello mondiale e renderle universalmente accessibili e utili”. E per questo ha annunciato novità interessanti che arrivano dal mondo di sviluppatori e che influenzeranno il prossimo futuro. Queste.

L’assistente Google
Converserà con voi, con un dialogo a due voci con Google, sempre più capisce il mondo che ci circonda per aiutare a fare quello che serve: acquisti, ricerca locali, programmazione viaggi, navigazione. E molto altro. L’assistente funzionerà senza interruzioni su qualsiasi dispositivo e in qualsiasi contesto grazie agli investimenti fatti in questi anni per comprendere le domande fatte dagli utenti. Ad esempio con Google Home, un dispositivo ad attivazione vocale che porta l’assistente Google in ogni stanza della casa. Permette di ascoltare musica, gestire gli impegni quotidiani e ottenere risposte  semplicemente parlando in modo naturale. E’ stato progettato per essere adatto ad un ambiente domestico e sarà disponibile in diversi colori e materiali per la fine di quest’anno. Oppure c’è Allo e Duo: Allo è una nuova app di messaggistica in cui è incluso l’assistente Google, in modo da essere utilizzato nelle chat, sia private sia di gruppo per chidere direttamente informazioni come gli impegni in agenda o le foto del vostro ultimo viaggio. Si basa sul numero di telefono,per  comunicare con chiunque indipendentemente dal fatto che utilizzi Android o iOS.  C’è anche una modalità Incognito, in cui le chat sono protette da crittografia end-to-end, mostrano notifiche discrete e i messaggi hanno una scadenza temporale. Duo invece è un’app per videochiamate tra due persone, veloci e stabili anche quando la connessione è lenta. Con una funzione chiamata Knock Knock, che mostra una anteprima video della persona che  sta chiamando

Sistema operativo e altre funzioni
Anticipati dettagli sulle prossime novità di Android N, tra cui prestazioni migliori per grafica ed effetti, un minor consumo di energia e di spazio di archiviazione, download in background degli aggiornamenti di sistema, notifiche rinnovate per poterle gestire ancor più velocemente e ben 72 nuove emoji. Aperto un concorso per trovare il nome al sistema operativo: informazioni con l’ashtag #NameAndroidN  e su Android.com/N. Daydream è invece una nuova piattaforma per la Realtà Virtuale in alta qualità da mobile per una nuova generazione di smartphone con lo studio di  un visore e di un controller per la Realtà Virtuale che siano davvero immersivi, comodi e intuitivi. Poi c’è Android Wear 2.0 – con una migliore user experience e supporto alle app stand alone, ossia che possono funzionare sull’orologio anche quando lo smartphone è spento – e infine Instant Apps,  che permette di avviare app Android instantaneamente, senza bisogno di installarle.

Tag: , , , ,