2Ci saranno 6 insegnanti per 25 studenti per un progetto della Digital Universitas fortemente sostenuto da Sabaf, la multinazionale italiana tra i leader mondiali nel settore dei componenti da cucina, e che a settembre farà il suo debutto ufficiale a Brescia. L’iniziativa consiste nell’offrire dei master gratuiti a giovani universitari di talento per apprendere i cosiddetti “mestieri digitali”, ovvero a come creare e gestire un sito web, dare vita a delle applicazioni, ma anche digital communication, web designer e business economy. Dopo una lunga selezione realizzata per scremare le centinaia di richieste pervenute, lo scorso 30 giugno vi è stato il primo incontro conoscitivo tra gli studenti e le aziende: per partecipare non erano infatti richieste particolari capacità nel settore, ma una predisposizione al mettersi in gioco esaltata anche dalla particolare tecnica di selezione che alternava colloqui a lunghi questionari sul web con domande decisamente originali e fuori dagli schemi. Circa il 70% degli iscritti sono uomini, l’80% provengono da famiglie straniere, ovvero nati in Italia da genitori immigrati. E poi anche persone di una certa età alla ricerca di una seconda possibilità in un mondo del lavoro in continua mutazione. Perché in effetti i numeri dicono che la digitalizzazione delle proprie capacità crea nuove possibilità professionali: secondo una ricerca Modis fatta per il 2014-2015 il 22% delle posizioni lavorative resta vacante per mancanza di competenze digitali con un divario che parte dai banchi di scuola. In pratica il rapporto è 1 computer ogni 4 studenti, una media che ci pone tra gli ultimi posti nell’Ocse (dati Miur 2016).

Il progetto di Sabaf e Superpartes, incubatore di start-up e già co-fondatore di Talent Garden ideatore dell’evento, è dunque nello stesso tempo ambizioso ma alla portata: “Per noi – ha detto Alberto Bartoli, Ceo di Sabaf – è fondamentale la formazione senza la quale è impossibile crescere ed affermarsi, soprattutto in questa nuova era digitale. È la prima iniziativa del genere per Sabaf, ma non sarà l’ultima e si colloca nell’obiettivo più generale di entrare in contatto con le start-up più innovative. Promuovere, direttamente o indirettamente, la nascita di aziende digital oriented nel nostro territorio è in linea con la tradizione del marchio. I ragazzi sono il nostro futuro e devono rendersi conto che puntiamo su di loro, che il computer è e deve essere molto più di Facebook”. Al termine delle lezioni, a dicembre, ogni studente sarà abbinato ad un’azienda a seconda delle proprie doti usufruendo di uno stage retribuito che porterà poi a un’assunzione. Per ulteriori informazioni www.sabaf.it

Tag: , , , ,