IMG_1461“Riuscire a migliorare uno smartphone è una vera sfida”, e se lo dicono quelli di Samsung è ovvio che si tratta di un cimento non da poco. Non c’è dubbio allora che i Galaxy S8 e S8+ siano una missione compiuta. In pratica: i due smartphone coreani freschi di produzione sono belli, bellissimi, ed hanno anche un tocco dì grande originalità nello schermo. Che, sui quattro punti di innovazione citati nella preview di Londra di sei giorni fa a cui Il Giornale è stato invitato, è l’elemento – a mio parere – più dirompente di un device che farà gola a molti. Comunque: andando in ordine, ecco come sono l’S8 e l’S8+ (che vedete nella foto dal grande al piccolo con, a destra, un 7 Edge, giusto per vedere la differenza).

1) IL DESIGN Due i tagli scelti, cioè 5.8 e 6.2 pollici, ed in entrambi i casi la scocca eleva il concetto del 7 Edge presentando un corpo unico con uno schermo senza bordi in uno spazio in cui di solito ci sta un 5 pollici. Con il risultato che l’8 più piccolo è come il 7 più grande. L’effetto visivo è dirompente, soprattutto perché così facendo il formato arriva ad un inedito 18,5:9. E aggiungendo a questo che lo schermo Super Amoled degli S8 è il primo certificato Mobile Hdr, l’effetto cinema è assicurato, perché le immagini sono proprio come film comanda. Ampie e in 4K. Tra le varie funzioni è disponibile anche la smart window, che consente di porre un video in un lato dello schermo per continuare a fare altro in un’altra finestra affiancata.

2) LA TECNOLOGIA La migliore possibile, dice Samsung. Ovvero una fotocamera posteriore dual pixel da 12 mpx con apertura 1.7 f che scatta 3 foto con un solo clic per poi mixare le immagini per tirar fuori una somma perfetta. La fotocamera frontale è da 8 mpx con autofocus e i comandi sono tutti eseguibili con una sola mano: si passa da una all’altra semplicemente spostando il dito verso l’alto, così come basta un gesto per utilizzare lo zoom, mettere i filtri, aggiungere sticker (tipo mettere le corna al vostro partner disegnandogliele sulla testa). Per la connettività si parla di Gigabyte Lte e Gigabit Wifi, in più ci sono le caratteristiche degli ultimi Galaxy come resistenza ad acqua e polvere, memoria espandibile fino a 256 Gb in più (in Italia i due S8 saranno disponibili nel taglio da 64 Gb di memoria interna), la ricarica fast e wireless, le funzioni biometriche d’accesso tramite impronta, iride o riconoscimento facciale (a scelta).

3) BIXBY “Su S8 è la macchina che di adegua all’uomo e non viceversa”. E’ insomma l’intelligenza artificiale che Samsung ha montato sui nuovi modelli e di cui si è rumoreggiato su internet nei giorni scorsi. Diciamolo: Bixby, a cui si accede grazie a un tasto dedicato sulla scocca, ha i suoi vantaggi ma ha ancora margini di crescita. C’è qualcosa di diverso, questo sì, rispetto alla concorrenza: ad esempio inquadrando un oggetto si può conoscere la sua provenienza ed anche addirittura comprarlo direttamente online. E poi il “maggiordomo” interagisce sia vocalmente che con un tocco con immagini e testi. Gli si può dire “non disturbarmi per 2 ore” e lui mette lo smartphone a riposo. Si può insomma fare molte cose, compreso comandare gli elettrodomestici, senza neanche toccare il telefono. Al contrario la sensazione che non tutti i passaggi siano ancora immediati. E comunque, visto che Bixby per ora capisce solo il coreano e l’inglese Usa, c’è tempo per migliorare (l’italiano, dicono, è comunque in arrivo presto).

4) L’ESPERIENZA L’S8 è come si diceva un vero hub multimediale che consente di essere usato come telecomando per molte funzioni domotiche: l’app Samsung Connect dà ordini a frigoriferi, tv, aspirapolveri, lavatrici, lampadari e lampadine, più tutto quant’altro fa internet delle cose. Tra l’altro senza che il tutto debba essere solo marchiato Samsung. E poi c’è DeX, un connettore circolare che permette di collegare lo smartphone ad un monitor per farlo diventare un vero e proprio computer. Avendo anche tastiera e mouse. Molto veloce e molto interessante: c’è pure un’applicazione che crea anche una finestra virtuale grazie alla quale ci si può connettere con il proprio pc Windows di casa o di ufficio.

I prezzi A questo punto, ecco il listino: l’S8 uscirà a 829 euro, cioè il prezzo a cui fu fissato l’S7 Edge (per i motivi di cui sopra). L’S8+ invece costerà 929 euro: le caratteristiche sono uguali ma in questo caso c’è appunto il formato maggiore e una batteria da 3500 mAh invece di 3000. I preordini partono oggi e consentono di avere il telefono già il 21 aprile. Otto giorni prima l’uscita ufficiale in Italia, il 29 appunto.

Gli accessori. Abbiamo parlato di DeX, che arriverà in contemporanea con un prezzo stimato di 149 o 159 euro. Più avanti ma non troppo ecco il nuovo visore Gear Vr dotato di telecomando (129 o 149 euro) e la nuova camera Gear 360 molto più snella e collegabile in diretta a YouTube e Facebook (349 o 379 euro). I prezzi degli accessori qui descritti come vedete non sono definitivi: metti che Gentiloni aumenta l’Iva nel frattempo e il gioco è fatto…

Tag: , , ,