LEGO LifeVietato ai maggiori di 13 anni, con tutte le precauzioni del caso. Soprattutto se consideriamo che il tutto arriva con il marchio Lego, che certamente sull’argomento non può permettersi passi falsi. E’ nata insomma LEGO Life, l’esperienza social che promette di essere sicura e appunto diretta a tutti i bambini di età inferiore ai 13 anni. Si tratta di un’app innovativa che permette di costruire una comunità di costruttori con i famosi mattoncini e di interagire con alcuni dei personaggi Lego. Da inizio 2017 ad oggi l’app è stata lanciata negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Francia, Germania, Danimarca, Austria, Svizzera e Italia e nel 2018 raggiungerà molti altri mercati, facendo crescere una comunità sempre più numerosa e internazionale. Seondo Rob Lowe, direttore del progetto, “LEGO Life offre una piattaforma che amplifica la gioia di costruire e permette di mostrare, attraverso il mondo digitale e in modo sicuro, le proprie creazioni ottenute con il mattoncino fisico”. L’idea è venuta dopo aver osservato milioni di bambini condividere le loro creazioni sulla rivista del Club Magazine Lego nella sezione “Cool Creations” e utilizzare le bacheche Lego.com per condividere le storie e le foto delle proprie creazioni: l’app ora consente ai bambini di personalizzare la propria esperienza di gioco attraverso l’interazione diretta con i personaggi preferiti, la creazione di un proprio personaggio in 3D, contenuti esclusivi come sfide, quiz e tante idee per la costruzione. Introduce inoltre una tastiera Emoji Lego con la quale i bambini e i ragazzi possono commentare le loro creazioni e quelle condivise dagli altri utenti del social network. Insomma, un nuovo linguaggio di gioco per un ambiente esclusivo: soprattutto perché i genitori possono solo guardare.

Tag: , , , ,