Mattinata di annunci a Milano. Siccome sono importanti eccoli in ordine esclusivamente orario.

GhomeGOOGLE
Arriva nel nostro Paese Google Home, anche nella versione Mini: in pratica il maggiordomo virtuale di cui è dotato ogni device Android inserito in un oggetto di design davvero bello. la novità poi è che parla italiano (in giro per il mondo ce n’erano già un po’) e dunque ci si può sbizzarrire al comando di “Ok Google) per avere delle risposte fin da quando ci si sveglia la mattina dopo che vi ha svegliati. Google Home vi dà le ultime sulle condizioni meteo, il traffico per arrivare al lavoro, i vostri impegni della giornata, ma anche qualsiasi notizia voi gli chiediate, compreso le ultime news. Oppure fa le conversioni di moneta o traduce frasi di altre lingue. In più si può gestire a voce gli apparecchi smart (tipo le lempadine Philips Hue) od anche utilizzare Chromecast per avviare YouTube o Netflix. Funziona anche con applicazioni come Tunein Radio e Spotify (e ovviamente Google Play).  L’Italia è la settima nazione dove arriva: da martedì lo si può acquistare a 149 euro, mentre la versione Mini costa 59. Delle compagnie telefoniche per ora l’esclusiva è con Wind 3. Ultima precisazione: se siete preoccupati per la privacy, sappiate che Google Home è in ascolto solo quanto lo attivate. A differenza di quanto si è detto di Amazon Echo. Insomma, non vi spia a meno che non lo vogliate.

Samsung PaySAMSUNG
Ecco finalmente Samsung Pay, l’app per gli smartphone della casa coreana che permette di virtualizzare la vostra carta di credito e pagare sui Pos (tutti i Pos) grazie al riconoscimento dell’iride, di quello facciale o dell’importa digitale. La differenza rispetto ad altri servizi esistenti sta in quella parentesi: Samsung Pay utilizza anche il magnetismo della ricarica wireless e non solo l’Nfc. Questo vuol dire che può essere utilizzato anche sui Pos vecchio stampo, ovvero quelli con cui non si paga con le carte touch ma con quelle che hanno il chip o la banda magnetica. Anche qui la privacy è d’obbligo: oltre ad essere protetto dal sistema Knox, Samsung Pay è inattaccabile ed è molto più sicuro che avere la carta vera in tasca. Funziona insomma solo con il proprietario fisicamente presente. Al lancio il servizio è garantito ai clienti di Unicredit, Banca Intesa, Banca Mediolanum, Che Banca e Nexi (ovvero il circuito Visa):  non comporta alcun costo aggiuntivo per l’utente, né alcuna commissione per gli istituti bancari. Inoltre è possibile caricare le proprie carte fedeltà delle seguenti aziende (lista in aumento):  BennetCisalfa SportDayBreakHotels.comEF EducationEsselungaLeroy MerlinMoleskineOld Wild WestPenny MarketPrenatalYoox.  Samsung Pay è disponibile sui seguenti device: Galaxy S9+, Galaxy S9, Note8, Galaxy S8+, Galaxy S8, Galaxy S7 edge, Galaxy S7, Galaxy A8, Galaxy A5 2017, Galaxy A5 2016, Gear S3 frontier, Gear S3 classic, Gear Sport.

 

Tag: , , , ,