Nuovo-modo-di-sviluppare-cultura-impresa-1024x576Le aziende crescono, le startup pure e dunque anche le iniziative per creare innovazione conquistano nuovi spazi. E’ il caso di B Heroes, di cui abbiamo già parlato: è il percorso di mentorship rivolto ad aziende ad alto contenuto di innovazione con sede operativa in Italia, ideato da lm foundation.  Un’iniziativa di successo che comincia il nuovo anno conquistando spazio in tv, grazie a un programma su Sky Uno che seguirà il flusso degli oltre 800mila euro da investire nelle startup più meritevoli. Fabio Cannavale, CEO e fondatore del gruppo lastminute.com, nonché appunto ideatore del progetto spiega che B Heroes è un’espressione del cosiddetto giving back, ovvero “la cultura di aziende che vogliono investire il proprio tempo e le proprie competenze per aiutare a crescere una nuova generazione di imprese. Quest’anno, oltre al sostegno di Intesa Sanpaolo che ci ha aiutati a rendere possibile tutto ciò, abbiamo la possibilità di collaborare con aziende di eccellenza come A2A, Gruppo San Donato, Sketchin e Jakala, che hanno scelto di adottarci come un’importante parte dei propri processi di innovazione”.

B Heroes è realizzato come detto da Cannavale in collaborazione con Intesa Sanpaolo cheattraverso Intesa Sanpaolo Innovation Center e con il proprio Corporate Venture Capital Neva Finventures, valuterà le opportunità di investimento sulle startup con maggiore potenziale per accompagnarle nel percorso di crescita e internazionalizzazione. Gli investimenti sono in  500 mila euro da Boost Heroes per la migliore startup, 200 mila euro da Gellify per la migliore startup B2B, 100 mila euro da Impact Hub per quella con il più alto impatto sociale. La valutazione delle proposte si conclude oggi a Milano, con circa 300 tra “mentor” e CEO di imprese italiane nella sede del Sole 24 Ore per decidere su 650 startup iscritte,  340 delle quali sono state incontrate e valutate durante un roadshow in 15 tappe lungo tutta la Penisola che ha avuto luogo tra ottobre e novembre. Sette le prove le prove da superare nel corso dell’evento: team, strategia (comprensivo di business plan e finance), marketing plan, crescita e scalabilità, impatto sociale, legale e tecnologia. Alla fine dalle 40 scelte, il risultato finale: ovvero le 20 startup che parteciperanno al format televisivo, 15 puntate che andranno appunto in onda su SkyUno. Le venti prescelte selezionate si confronteranno alla presenza di una giuria composta da investitori, manager e imprenditori: Silvia Candiani (Amministratore Delegato Microsoft Italia), Laurent Foata (Managing Director Ardian Growth) e Dina Ravera  (TopManager di successo)

Quest’anno le startup si presentano suddivise in 4 categorie di business o “vertical”, ognuna capitanata da un’azienda di settore: la multi-utility A2A guiderà le startup del settore sviluppo sostenibile, Sketchin-Bip Group rappresenterà le startup per la trasformazione digitale, l’IRCCS Ospedale San Raffaele (parte del Gruppo San Donato) accompagnerà le startup del settore salute e benessere, e Jakala le aziende del vertical “tradizione e innovazione”. E per capire l’importanza dell’evento basta citare alcuni dei  partner come Google, Facebook, BonelliErede, Ernst & Young, Studio Pirola, Contact Lab, Mamacrowd, Simbiosity, Vidiemme Fimap Impact Hub, 200crows, Backtowork24. Nonché, come supporto alle startup e alle aziende partner, anche Cariplo Factory, l’hub di open innovation, CSR e talent management creato da Fondazione Cariplo.

Tag: , , , ,