Lo strano primato sulla sharing economy

Che gli stati abbiano la pessima abitudine di appropriarsi non solo dei profitti, ma perfino del merito dell’innovazione che viene prodotta sul loro territorio non è certo una novità: basti pensare alla Silicon Valley o alla Cina odierna. Nella Svezia della prima metà del novecento (ben diversa da quella di oggi), lo stato inventò perfino un termine (snilleindustrierna, letteralmente “imprese geniali”) per definire il suo armamentario di campioni tecnologici (Ericsson, SKF, AGA, Electrolux). Oggi, innovazione significa – anche e soprattutto – sharing economy. Nell’Italia di oggi, di piattaforme collaborative di successo – purtroppo – ce ne sono pochine, per ragioni […]

  

Cosa dovrebbero fare, e non fanno, gli ordini professionali

Oggi voglio raccontarvi due storie. La prima è quella del signor Achille Alemanni, che trent’anni fa fu assunto come chirurgo plastico all’Ospedale di Magenta. Da allora svolge lì la sua professione, senza che mai alcun collega o paziente se ne lamentasse, aprisse contenziosi o richiedesse risarcimenti per danni. L’operato del signor Alemanni, insomma, è stato ineccepibile per tutta la sua carriera. Poi, qualche giorno fa, la scoperta: Alemanni ha esercitato per trent’anni la professione di chirurgo, senza mai essersi iscritto all’Ordine dei medici. Ma senza l’iscrizione, per legge, non si può esercitare la professione, né in ospedale, né in strutture […]

  

Il blog di Giacomo Lev Mannheimer © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>