Per zittire le sardine basta un treno regionale

Viadotti crollati, frane. In Italia, in questi giorni, si susseguono momenti drammatici. Eppure l’attenzione mediatica sembra concentrata prevalentemente sulle “sardine”. Il movimento anti-salviniano, sedicente spontaneo, nato in Emilia Romagna (guarda caso) il cui leader è tal Mattia Santoni, che parrebbe essere collaboratore di una rivista legata a Romano Prodi, si pone l’obiettivo di arginare la crescita delle destre in vista del voto regionale di gennaio. Fanno tanto rumore, le sardine. Eppure per zittirle basterebbe poco, pochissimo. Per la precisione un treno regionale. Che c’entrano i treni, vi starete chiedendo. C’entrano per il fatto che la banale retorica anti-leghista di questi […]

  

Ma quale razzismo: serve una Commissione straordinaria sulla povertà

Secondo un rilevamento dell’Eurostat in Italia il 30% dei cittadini disabili con limitazioni funzionali è a rischio povertà. Ma, nel belpaese, anche i bambini non se la passano bene: secondo dati di Save the Children negli ultimi dieci anni il numero dei minori in condizioni di povertà assoluta è triplicato, raggiungendo quota 1,2 milioni e passando dal 3,7% del 2008 al 12.5% del 2018. E i loro genitori? Anche per loro la situazione è tutt’altro che florida. Stando a una recente indagine in Italia il 12% dei lavoratori è a rischio indigenza: cioè una persona su sette, contro una media europea del 9,4%. […]

  

Umbria: il duro risveglio per “fighetti” e “gretini”

Colpiti, affondati, umiliati. Inizia male, malissimo l’avventura del nuovo centrosinistra governativo con la clamorosa sconfitta delle elezioni regionali in Umbria, dove la candidata del centrodestra Donatella Tesei ha letteralmente asfaltato il rivale Vincenzo Bianconi. Un risultato che, per la compagine che sostiene l’attuale esecutivo, assume ancora più il sapore della beffa dopo la passeggiata umbra di Conte, Zingaretti, Di Maio e Speranza. Gli accrocchi di palazzo, d’altronde, non portano mai bene. Ma, soprattutto, non porta bene la mai doma sicumera della sinistra, la sua pretesa di rappresentare il “bene”, il “meglio” o, per dirla con un recente post apparso sul […]

  

Centrodestra e centrosinistra: hanno resuscitato la Seconda Repubblica

L’appuntamento di sabato scorso a Roma, in piazza San Giovanni in Laterano, ha segnato un punto di svolta nel panorama politico nazionale. O, meglio, l’innesto di una clamorosa retromarcia. Con Matteo Salvini che, sconfessando anni di t-shirt “Basta Euro” e le idee e le opere di economisti come Bagnai o Rinaldi, diventati onorevoli e senatori proprio con la sua Lega, ha affermato di punto in bianco e pochi giorni prima dell’evento che la moneta unica non è più in discussione, è ufficialmente stato dichiarato finito l’esperimento sovranista di via Bellerio. I toni della piazza romana sono infatti stati quelli di un conservatorismo liberale, […]

  

Il taglio dei parlamentari. Una cretinata inutile. Anzi, dannosa

Da anni si discute di riduzione del numero, degli stipendi e dei privilegi della “casta” dei parlamentari. Se ne discute tanto che la parte meno strutturata dell’opinione pubblica si è in gran parte convinta che siano proprio queste le principali zavorre che gravano sul bilancio statale e che, nel tempo, hanno aggravato il debito pubblico. In realtà, però, quello che la gente non sa è che i costi della politica, considerando i conti dello Stato, costituiscono una parte infinitesimale degli stessi. Ridicola. Sostanzialmente ininfluente. Con la riduzione di deputati e senatori appena approvata dalla Camera, per capire meglio la misura […]

  

Italia 2020: pagare lo Stato per avere una pensione. L’ultimo successo del capitalismo

La notizia è emersa nelle ultime ore. A quanto pare il Governo starebbe vagliando l’istituzione di un fondo di previdenza complementare pubblico, che sarà gestito dall’INPS e sarà ad adesione completamente volontaria. A confermarlo, in un’intervista all’ANSA, lo stesso presidente dell’Istituto, Pasquale Tridico. “I fondi di previdenza complementare – ha spiegato il numero uno dell’INPS – hanno una scarsa adesione, hanno un’adesione ciclica, permettono a chi è già ricco di avere forme complementari ulteriori e allocano la maggior parte dei fondi all’estero, con investimenti in altri Paesi. Il ministero ci ha chiesto una valutazione sulla possibile nuova riforma e stiamo pensando […]

  

La “sfida alle stelle” di Giorgia Meloni. Che ora può puntare in alto

Sono ancora pochi quelli che se ne sono resi conto, ma c’è forse un solo partito in Italia che, nello scenario attuale, presenta una tendenza realmente positiva in termini di consenso e di prospettive di crescita. Si tratta di Fratelli d’Italia. Così, mentre si apre a Roma il tradizionale appuntamento annuale di Atreju, che si concluderà domenica e vedrà la partecipazione, tra gli altri, del premier ungherese Viktor Orban, la “sfida alle stelle” (è anche il titolo dell’edizione 2019) di Giorgia Meloni appare definitivamente lanciata. E gli spazi da conquistare potrebbero essere importanti. Perché larga parte dell’elettorato genericamente definibile come […]

  

Ora Renzi ha ricreato l’Ulivo e il bipolarismo. Con i grillini e contro Salvini…

Dunque l’ha fatto. Matteo Renzi ha lasciato il Partito Democratico, di cui è stato segretario. Lo ha fatto perché, dice lui, si è sentito un “intruso nella storia della Ditta che nei prossimi mesi si riprenderà D’Alema, Bersani e Speranza”. Ecco che, allora, sono già fioccate le grandi analisi. Si parla di un soggetto di riferimento dei moderati, dei liberali. Dei centristi insomma. Centristi che, sia tra gli eletti che tra gli elettori, sono in libera uscita sia da Forza Italia che dallo stesso Partito Democratico, che, dopo la scissione renziana, sarà, come correttamente prevede l’ex premier, sempre più orientato […]

  

I limiti della Lega. Perché ora il salvinismo deve diventare vero sovranismo

Il giorno del nuovo incarico a Giuseppe Conte è stato anche, inevitabilmente, il giorno della sconfitta di chi, Conte, lo voleva sfiduciare: Matteo Salvini. Inizia così la “traversata del deserto” dell’opposizione per la Lega. È quindi inevitabile chiedersi cosa sia andato storto. E cosa rimanga della breve esperienza dei sovranisti al Governo. Per arrivarci Salvini e il Carroccio avevano lavorato duramente. Un lavorio lento e faticoso, durato anni e iniziato nel dicembre del 2013, quando “il capitano” esordì come segretario federale di quella che era la “Lega Nord per l’indipendenza della Padania”, prendendo in mano un partito quasi annientato, nel […]

  

Crisi di Governo? Solo un triste teatrino coloniale

Mentre a Biarritz Giuseppe Conte sedeva al tavolo con i grandi dell’Occidente in molti si interrogavano sulla possibile natura geopolitica della crisi di Governo italiana. La tesi che andava per la maggiore era quella secondo cui la Lega di Salvini, che ha dato il via alle danze con la scelta di togliere la fiducia al premier, avrebbe scelto schierarsi con il tradizionale alleato americano e soprattutto con il presidente USA Donald Trump e contro i grillini, che sarebbero divenuti invece il partner privilegiato dell’asse franco-tedesco che strizza l’occhio a Pechino. A riprova di questa tesi, la firma del protocollo d’intesa sulla Nuova Via […]

  

Il blog di Cristiano Puglisi © 2022
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>