“Gretini” e archistar: giù le mani da Notre-Dame

Giù le mani da Notre-Dame. Nel XIX secolo, dopo gli scempi della Rivoluzione Francese, la guglia della cattedrale fu ricostruita in stile gotico e dovrà essere ricostruita in stile gotico anche questa volta. Sì, perché fanno venire i brividi solo a sentirne parlare le proposte degli archistar (termine che definisce a modestissimo parere di chi qui scrive una banda di vandali contemporanei, dediti a sfregiare i centri urbani del mondo con i loro osceni progetti senz’anima) che si sono fatti avanti per immaginare il futuro della cattedrale, per la cui ricostruzione, dopo l’incendio dello scorso 15 aprile, è stato ormai […]

  

Notre-Dame brucia: ma l’Europa cristiana è solo un ricordo

Una riflessione che sembra un pugno nello stomaco. Anzi, lo è. Perché pone di fronte a dati di fatto tragicamente concreti, tragicamente reali. L’ha scritta Carl Kinsella per il sito d’informazione irlandese Joe.ie, a proposito del drammatico incendio avvenuto lunedì alla cattedrale di Notre-Dame a Parigi, un simbolo di quell’Europa profonda e spirituale, un tempo conosciuta appunto come “cristianità”, colpevolmente dimenticato per troppi anni (il simbolo, la cristianità è invece stata scordata da un po’ più di tempo…).  Tanto dimenticato che, qualcuno ha detto tra le righe, i lavori di restauro, causa indiretta dell’incendio, procedevano a ritmo lento a causa della […]

  

La proposta: oscurare i graffiti su tv e giornali. Per umiliare i writers

Mentre l’Europa si sveglia ferita e impoverita per i danni inflitti da un incendio alla cattedrale di Notre-Dame di Parigi, luogo simbolo della Cristianità, torna prepotentemente alla ribalta sulle prime pagine dei quotidiani il tema della tutela dei beni culturali, che rappresentano i principali custodi e guardiani della memoria di ogni civiltà. Così, se Notre-Dame ci ha ricordato che il rischio di vedere il patrimonio collettivo danneggiato o sfregiato non è una remota possibilità neppure per i principali monumenti e ha scaldato la sensibilità di mecenati e politici noti in tutto il mondo (da Pinault ad Arnault, da Trump a […]

  

Comprare italiano: il vero sovranismo inizia dal carrello della spesa

I risultati delle consultazioni elettorali, di qualsiasi ordine e grado, lo dicono chiaramente: le simpatie degli italiani per il mondo cosiddetto “sovranista” sono in costante ascesa. Eppure, a fronte di queste cifre, che raccontano un Paese in cui si ha sempre più voglia di tutelare l’interesse nazionale dalle burrasche del global-capitalismo senza regole e confini, ci si scontra con un’incongruenza di fondo. Quella, ad esempio, della moltitudine di auto straniere, tedesche e giapponesi in primis, che continuano a viaggiare sulle strade italiane ogni giorno. Quelle, ancora, dei tanti italiani che continuano ad acquistare soprattutto abbigliamento straniero. Dai classici maglioncini con lo […]

  

L’aereo: l’autobus della globalizzazione

Gli aerei cadono. Fa sempre impressione quando succede, ma succede. Non è una novità. La storia è piena di sciagure aeree. Eppure, soprattutto in anni recenti, si è quasi voluta occultare questa realtà. Vuoi perché l’aereo è un feticcio della globalizzazione e gli aeroporti il non luogo per eccellenza, dove a merci e persone si aprono le porte virtuali di tutto il pianeta, cancellando distanze e differenze. L’aereo impiegato come mezzo civile ha contribuito in maniera sostanziale ad appiattire il mondo, a creare la “società globale” dei consumatori uniformati. E quindi, da un certo momento in poi, non si è […]

  

Mamma stira e cucina? Meno male!

“Mamma stira e cucina”. Oddio, apriti cielo. Sono bastate queste parole in sequenza, comparse in un banale esercizio grammaticale per bambini su un libro di testo scolastico, a scatenare polemiche inimmaginabili sul presunto sessismo del sussidiario in questione. Polemiche alimentate anche dalla frase “Papà lavora e legge”, che compariva poco più sotto. “Scandalo!”, hanno subito gridato gli alfieri del politically correct. Scandalo? Eppure, nella mente di chi qui vi scrive, ricorrono i ricordi di frasi ed esercizi dal contenuto del tutto simile del periodo scolastico. E non si parla di 50 o 60 anni fa, al più di 20. E, […]

  

Smartphone e incidenti stradali: colpa (anche) del tecnostress

La Polizia Stradale lo ha già richiesto a gran voce, intervenendo in merito anche in Commissione Trasporti alla Camera dei deputati: sospensione immediata della patente per chi guida al cellulare. Una richiesta drastica, che a molti potrà non piacere, ma più che motivata dai numeri: la distrazione è il primo motivo scatenante degli incidenti stradali (che, peraltro, nel 2017 hanno fatto registrare un +2,7% di esiti mortali), con il 16% dei casi. E, chiaramente, il motivo principale di distrazione è proprio il telefono cellulare. “In quest’ambito – spiegava infatti il primo dirigente della Polizia di Stato, Sandro Puccia, in un’intervista riportata […]

  

Se il PIL cresce ma la gente è sempre più povera…

Esistono diversi segnali che mostrano quanto sia preoccupante l’attuale stato della società occidentale, intesa come modello sociale e produttivo. Un modello che, come si affermava qualche giorno fa su questo stesso blog, si è innegabilmente bloccato, non riuscendo a proporre una reale via d’uscita a una crisi sistemica ormai decennale. Questi segnali, purtroppo, mentre i media italiani mainstream preferiscono parlare di temi assolutamente “fondamentali” come la vittoria di un cantante musulmano e omosessuale al Festival di Sanremo o le presunte invocazioni sataniche della conduttrice della stessa manifestazione, non vengono raccontati. Allora, vista la coltre di omertà di un sistema mediatico […]

  

La grande menzogna della meritocrazia. Chi è povero resta povero

“Se ci si impegna si arriva dove si vuole”. “Tutto è possibile, basta crederci e lottare”. Frasi come queste, nella odierna società liberal-capitalista, sono state assimilate come valori condivisi. Sono la base di quel concetto chiamato “meritocrazia”, per il quale, nella società contemporanea, priva di caste e rigide divisioni gerarchiche, i meritevoli ottengono sempre un risultato. Ma è davvero così? Se sicuramente questa dinamica è stata realistica nel dopoguerra, quando le economie miste dell’Europa occidentale offrivano a tutti una possibilità di crescita dopo le miserie del conflitto, e il “boom” economico guidava lo sviluppo di un benessere diffuso, oggi, nella […]

  

La Nappi, l’Ikea e il vero problema del mondo

Scorrendo le pagine dei giornali e dei principali siti di informazione in queste ore lo sguardo di chi qui vi scrive non ha potuto fare a meno di cadere su due titoli. Il primo è la provocatoria proposta di una pornostar, Valentina Nappi, già balzata agli onori delle cronache per una faida mediatica con il filosofo Diego Fusaro (“l’anticapitalismo è il nuovo fascismo”, disse la giovane “intellettuale”), che suggerisce di sterilizzare i poveri. Il secondo, invece, l’idea di una nota società svedese produttrice di mobili low cost, l’Ikea, che ha lanciato la possibilità di affittare, anziché vendere, i complementi d’arredo […]

  

Il blog di Cristiano Puglisi © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>