Mentre tutti hanno ancora negli occhi l’acceso diverbio tra il ministro dell’Interno italiano Matteo Salvini e il suo quasi omologo (ha la delega agli Esteri) lussemburghese Jean Asselborn sui migranti, c’è chi stima che, stante l’attuale intensità dei flussi migratori, oltre il 50% della popolazione italiana potrebbe essere di origine africana e asiatica entro il 2080. La proiezione è stata realizzata dalla fondazione GEFIRA, che, attraverso un proprio programma, denominato Cerberus 2.0, ha tentato di calcolare, rispetto alle proiezioni demografiche dell’Eurostat e basandosi sul tasso di fertilità della popolazione italiana attuale, quanto potrà in futuro incidere la popolazione autoctona. LA PROIEZIONE […]