zollnerTolleranza zero, pulizia, trasparenza. La lotta tenace contro la pedofilia nel clero iniziata da Benedetto XVI e proseguita con Francesco continua senza sosta. Il Pontefice argentino, infatti, ha deciso di istituire un Tribunale ad hoc dove sarebbero processati, in Vaticano, i vescovi accusati di “reato di abuso d’ufficio episcopale”, ovvero che hanno sottovalutato o addirittura insabbiato le denunce ricevute relative a casi di pedofilia.

Il Pontefice ha infatti accolto la proposta della Commissione creata da lui stesso a inizio pontificato – guidata dal cardinale Sean Patrick O’Malley, composta anche da Peter Saunders e Mary Collins, entrambi vittime da bambini di preti abusatori. E ha deciso l’istituzione di una nuova sezione giudiziaria all’interno della Congregazione per la Dottrina della Fede e la nomina di personale stabile che presterà servizio nel Tribunale apostolico. Il Papa dovrà anche nominare un Segretario per assistere il Prefetto nel lavoro del Tribunale.

“E’ una decisione storica attuata in tempi record – spiega al blog “All’ombra del Cupolone” padre Hans Zollner, uno dei membri della Commissione per la Protezione dei Minori istituita da Papa Francesco – abbiamo stilato questa proposta appena qualche mese fa e questo era un punto dolente, il punto più difficile da trattare soprattutto nel mondo anglosassone e americano, ovvero il tema della corresponsabilità dei vescovi. Ora il Papa ha dato il via libera, velocizzando le procedure e dando un ok in tempi record”.

“E’ il segnale che il Papa pensa seriamente a come combattere la piaga della pedofilia nel clero – prosegue padre Zollner – il Santo Padre non lascia scappatoie, non ammette scuse, ed è un richiamo molto esplicito e autentico a prestare attenzione alle vittime di abusi sessuali”.

Il cardinale O’Malley, arcivescovo di Boston – autore di una decisa operazione di pulizia nella diocesi americana vittima del fenomeno dei preti pedofili, ha stilato così cinque proposte: primo, “che la competenza a ricevere ed esaminare le denunce di abuso d’ufficio episcopale appartenga alle Congregazioni per i Vescovi, per l’Evangelizzazione dei Popoli o per le Chiese orientali e tutte le denunce debbano essere presentate alla Congregazione appropriata”. Secondo, “che il Papa dia mandato alla Congregazione per la Dottrina della Fede per giudicare i vescovi in relazione ai delitti di abuso d’ufficio”. Terzo, “che il Papa autorizzi l’istituzione di una nuova Sezione Giudiziaria all’interno della Congregazione per la Dottrina della Fede e la nomina di personale stabile che presterà servizio nel Tribunale Apostolico”. Quarto, “che il Papa nomini un Segretario per assistere il Prefetto riguardo al Tribunale”. Quinto, “che il Papa stabilisca un periodo di cinque anni in vista di ulteriori sviluppi”.

“Con questa proposta della Commissione accolta dal Papa l’applicazione del reato di abuso d’ufficio episcopale diventa più esplicita ed estesa anche in materia di abusi su minori”, ha concluso padre Zollner.

Twitter: SereNere76

Tag: , , ,