Un post veloce-veloce per rispondere pubblicamente alle domande di Elettra, che, peraltro, mi hanno recentemente rivolto, via-email, anche due altri lettori. I premi dei tornei dipendono dalla disponibilità degli organizzatori del torneo medesimo, quindi dagli sponsors e dalla Federazione nazionale. Vengono premiati, naturalmente in ordine decrescente, solo i giocatori che passano il taglio delle prime 36 buche di gara, di norma una settatatina su un lotto di 150-160 partecipanti. In ogni caso tutti coloro che completano i quattro giorni di gara hanno il loro assegnino o assegnone. Quanto alla scelta di un giocatore se partecipare o no ad un torneo, diciamo che non vi è alcun obbligo. Gli incentivi possono essere un paio: un montepremi allettante o l’esatto contrario ovvero la possibilità di mettersi in luce in un torneo che, proprio perchè non ha un grosso montepremi e quindi non attira i pro più titolati, può offrire ad un giovane illustre sconosciuto, qualche chance di vittoria. Mi auguro di essere stato esaustivo. Grazie Elettra. E continui a scrivere!