Parliamone, visto che la notizia non ha ancora fatto botto. Dunque, per il presidente venezuelano [photopress:hugo_chavez121091.jpg,thumb,pp_image]Hugo Chavez (un tipo che, davvero, non finisce mai di sorprenderci) il golf è uno sport “borghese” che i “borghesi” si sono cuciti addosso a loro uso e consumo. Così meglio dichiarare guerra aperta. Nelle ultime settimane Chavez ha disposto la chiusura di due fra i più bei tracciati del Paese, a Caraballeda e a Marcacay e, nell’annunciare alla tv questa decisione, il presidente ha ripetuto, scandendo le parole, la seguente frase :  “Sia chiaro io rispetto tutti gli sport ma non certo il golf che non considero uno sport popolare perchè il golf è uno sport borghese”. Che Chavez sia seriamente intenzionato a proseguire la sua guerra personale contro lo sport verde per eccellenza lo dimostra il fatto che, in tre anni, sono stati chiusi nove courses e che lo splendido progetto di Robert Trent Jones jr sull’ isola Margarita è stato bloccato dalle autorità ufficialmente per motivo tecnico- finanziari. Triste andazzo, no?