La Le Pen ha perso? No, ha vinto

LA MACCHIETTA DEL POTERE Non ha conquistato regioni, non governerà la Bretagna né la Provenza, ma ha messo in ginocchio il sistema di potere francese; ha smascherato il grande imbroglio che si cela dietro un modello democratico fittizio e ipocrita. Non c’è nulla di più sorprendente e comico, per la politica francese (e per quella europea), che vedere i socialisti esultare per la vittoria di Sarkozy e i presunti eredi di De Gaulle invitare a votare socialista per impedire al FN di vincere. Tutto ciò rende plastico lo stato comatoso in cui versano la Francia e il sistema di potere […]

  

Perché gli eurocrati odiano la democrazia

SCHIAFFONI DEMOCRATICI Non c’è nulla da fare: se fanno votare la gente, la gente li prende a schiaffoni. Questo è il motivo per cui, le decisioni importanti, se le suonano e se le cantano sempre da soli. Lo spiegò già nel 1999 Claude Juncker, attuale uomo forte dell’Europa, in un’intervista molto esplicativa su Der Spiegel: “Noi prendiamo una decisione in una stanza, poi la mettiamo sul tavolo e aspettiamo di vedere cosa succede. Se non provoca proteste o rivolte, è perché la maggior parte delle persone non ha idea di ciò che è stato deciso; allora noi andiamo avanti, passo […]

  

Ma quale Grecia, fu Prodi a truccare i bilanci

AMNESIE Due giorni fa, in un convegno pubblico, l’ex Presidente del Consiglio Romano Prodi ha “rivelato” che la Grecia truccò i conti per entrare nell’euro. In molti hanno sottolineato come sia stupefacente che Prodi sveli questa verità solo di fronte al fallimento dell’euro e ad una crisi generata dagli errori di allora. Eppure nessuno ha fatto notare una cosa ancora più stupefacente: e cioè che Prodi accusa la Grecia di ciò di cui, in Europa, accusano lui. L’OPERAZIONE AUTOINGANNO Nel 2011, il settimanale tedesco “Der Spiegel” pubblicò una lunga inchiesta giornalistica sulla cosiddetta “Operazione autoinganno”, quella con la quale il […]

  

La “sovranità” secondo Draghi

Nel linguaggio surreale e ipocrita dei tecnocrati europei si chiama “condivisione della sovranità”. In altre parole è la cessazione del nostro diritto ad autodeterminarci attraverso lo svuotamento di ruolo e competenze dei parlamenti nazionali. Qualche giorno fa Mario Draghi, governatore della Bce, in un convegno all’Università di Roma, è stato chiaro: “La nostra esperienza mostra che la condivisione della sovranità nazionale è condizione necessaria per una fiducia duratura nel disegno del nostro comune viaggio europeo”. Draghi ha detto, semmai ce ne fosse stato bisogno, che affinché l’Unione Europea sopravviva bisogna diminuire sempre di più il potere decisionale dei parlamenti a […]

  

Ha vinto Juncker, il talebano dell’eurocrazia

Alla fine Forza Italia ha votato Jean-Claude Juncker, il tecnocrate illiberale, nemico acerrimo di Berlusconi (tanto da partecipare al complotto del 2011 contro il premier italiano democraticamente eletto) e compagno di merende di Martin Schultz che, infatti, ha salutato la sua nomina come “un giorno storico per l’Europa”. Qualche giorno fa su Il Giornale, avevo elencato i 5 motivi per i quali il voto a Juncker sarebbe stato un suicidio per l’Italia e per Forza Italia. A questi se ne potrebbero aggiungere molti altri. Per esempio il fatto che Juncker, nel 2013, da capo del governo lussemburghese, fu costretto alle […]

  

Il blog di Giampaolo Rossi © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>