Mi trovo in una situazione imbarazzate riguardo il ragioniere di Mantova. Quando scalò la Telecom, con 50 miliardi di euro a debito, dissi (all’epoca scrivevo sul Foglio) che si trattava di un’operazione rischiosa, ma di mercato. Si muovevano le acque, si dava una salutare bastonata a quel nocciolino molle degli imprenditori italiani che con quattro azioni volevano controllare le tlc. Insomma ero dalla parte dei D’Alema e Bersani che appoggiarono la scalata e che indubitabilmente la facilitarono.
Ora ColaNinjo ha messo su una cordata per comprarsi Alitalia. E anche in questo caso non sono infastidito dall’operazione. Ferme restando tutte le obiezioni di cui abbiamo parlato altrove in questa zuppa. Questa volta ad appoggiare e favorire il nostro, sono l’adorato Cav e i suoi.
Ma cari commensali un paio di giorni fa mi è suonato un fastidioso campanello d’allarme. Il Cola in un’intervista (smentita) alla Stampa ha detto più o meno che Berlusca è un grande e soprattutto che i suoi ex amici sono più o meno dei pirla. Non più tardi di un mese fa aveva ribadito la sua tendenza a sinistra e non ha mai nascosto le sue simpatie dalemin-bersanesche.
Che brutto odore tutti questi imprenditori che si gettano tra le braccia del nostro adorato Cav. Magari cari commensali è tutto falso, l’intervista è frutto della follia di un giornalista e ColaNinjo farà bene il suo lavoro. Ma quella fastidiosa tendenza per la quale tutti i banchieri si misero in fila per le primarie dell’Ulivo quando governava Prodi e per la quale oggi tutti si spostano a destra, mi fa senso.
Occupatevi di business, chè la politica è sufficientemente adulta per badare a se stessa.

VN:F [1.9.3_1094]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)