Così Veltroni prova a sottrarsi all’abbraccio mortale di Tonino Di Pietro. Niente Pd (almeno quello ufficiale) in piazza Navona per manifestare contro il Cav. Di Pietro e i girotondini saranno lì, compagnia del teatrino della politica che mette in scena la (solita) recita a soggetto che gli italiani conoscono bene. Spiazzati da Napolitano, attaccato improvvidamente dall’ex pm leader dell’Idv, hanno messo un altro bersaglio grosso nel mirino: Veltroni. Pronti a scavare trincee da imbottire di esplosivo per far saltare le mura del loft assediato… Tanto che l’intellighenzia vicina da sempre alla sinistra giustizialista e movimentista (Paolo Flores d’Arcais e Furio Colombo) si sono affrettati a dire che no, la manifestazione non è contro Walter… (ci vanno ma…). E se Rita Borsellino andrà lo farà turandosi il naso: Grillo (che si collegherà con la piazza via etere) non ha progetto e diventa qualunquista e pericoloso. E Nanni Moretti, il regista del “Caimano” e uomo simbolo del girotondismo d’antan? Niente piazza, a che serve? Retropensiero: sulla sua Vespa c’è posto per Veltroni…
E Rifondazione? Ferrero ci sarà, Nichi Vendola no (entrambi vogliono guidare il partito dopo l’addio di Bertinotti): anche il governatore della Puglia prenda le distanze da Tonino la sua, dice, “è solo invettiva”. D’Alema e Cofferati sono per il no alla piazza senza se e senza ma. Insomma le “sinistre” si dividono su Tonino e sul Cav, mentre Parisi e altri (ex?) prodiani ci saranno: indovinate contro chi?