La Sapienza e il rito dell’intolleranza

Prima il no dei Collettivi di sinistra a Papa Benedetto XVI, poi il no al dibattito sulle foibe: alla Sapienza di Roma l’intolleranza è di casa in nome di una “tradizione democratica” che tenta di riproporre schemi antichi, quelli del “rituale antifascista” degli anni Settanta. Già, brutto periodo quello, nelle università e nel Paese… con il corollario nel secondo caso dei manifesti di Forza Nuova strappati dai militanti dei Collettivi di sinistra, della rissa, degli arresti, delle polemiche e delle accuse. Salvo poi chiarire (rapporto della Digos) che l’aggressione è partita da sinistra. Ma stabilire colpe e responsabilità spetta ai […]

  

Così le tecnologie ci cambiano la vita… Dì la tua

Vi è mai successo di dimenticare il cellulare a casa? E’ facile immaginare la sensazione che avete provato, perché la maggioranza di noi l’ha vissuta in prima persona. Ci si sente persi. Vulnerabili. Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori britannici ha rilevato che è una sensazione paragonabile alla “tremarella del giorno delle nozze” o alla paura di quando si va dal dentista. Addirittura è stato coniato appositamente un termine medico. “Nomofobia”, così si chiama la paura di rimanere senza portatile (“nomo” è l’abbreviazione di no mobile). Quale futuro? Non c’è niente da fare. Dobbiamo ammetterlo. La tecnologia fa […]

  

Berlusconi, Veltroni e i nemici del dialogo

Il discorso di Silvio Berlusconi alla Camera (leggi il discorso del premier), l’apertura unilaterale al dialogo con l’opposizione (che è seguita alla telefonata del premier a leder del Pd), sono i segnali più evidenti che qualcosa sta davvero cambiando, nel Parlamento e nel Paese. Aggiungiamoci anche il discorso del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano di alto profilo istituzionale e politico, come ha riconosciuto il presidente della Camera Gianfranco Fini. Insomma, molti saranno scettici, ma parlare di avvio di Terza Repubblica forse non è azzardato. Basta rileggere le parole del premier, il “sì” di Fassino a nome del Pd: l’asse Berlusconi-Veltroni […]

  

E Walter diventa il “premier ombra”

Dopo Occhetto (Pci poi Pds) nel 1989, Veltroni (Pci, Pds, Ds, Pd): la storia sembra ripetersi (ovviamente Veltroni spera in esiti migliori…) e torna il “governo ombra” (leggi l’articolo). Edizione rinnovata e aggiornata ai tempi di quella lontana esperienza partorita a Botteghe Oscure che – come ha ricordato Visco all’Unità – fu un fallimento e l’ex ministro ritiene che ci sarà il bis). Veltroni diventa “premier ombra” del “governo dell’opposizione”: alla fine dopo trattative e incontri, divisioni e riavvicinamenti, no eccellenti (D’Alema e Parisi), tentennamenti divenuti alla fine un “sì accetto” (Bersani) ed entusiasti (Fassino, Franceschini) il leader del Partito […]

  

Berlusconi e il governo del “fare”. Veltroni e le liti sul governo “ombra”. Dite la vostra

Il governo Berlusconi quater va e stavolta per i detrattori più accaniti del Cavaliere sarà difficile sostenere che non c’è niente di nuovo a Palazzo Chigi. Già, perché i ministri (quelli che contano, con portafoglio) sono solo 12 (9 senza portafoglio ma con la casella chiave delle Riforme affidata a Umberto Bossi) e perché sono entrati uomini nuovi che affiancano ministri già collaudati: 13 new entry (quattro hanno fra 31 e 40 anni). Continuità-discontinuità, insomma. Il premier è deciso è riprendere il filo del suo progetto Paese interrotto dai due anni di Prodi, ma molto è cambiato. Questo sarà davvero […]

  

D’Alema batte un colpo. Contro Walter. E “L’Unità” se la prende con la sinistra veltroniana tutta feste e terrazze

E alla fine Massimo D’Alema parlò. Dopo una campagna elettorale che è apparsa ai più “silente” (salvo evitare le dimissioni di Bassolino in Campania per scongiurare il voto anticipato alla Regione ed rinviare l’ennesima sconfitta del Pd), il ministro degli Esteri ha rivestito i panni dell’uomo di partito e ha iniziato a sparigliare le carte nel loft veltroniano… già, perché la resa dei conti post elettorali sarà lunga e sicuramente non indolore nel centrosinistra. “La sconfitta è stata grave, ed è di lungo periodo. Serve quindi una riflessione approfondita…”. Primo colpo. “La sintonia tra Berlusconi e il Paese, cominciata nel […]

  

il Blog di Alberto Taliani © 2018