I banchi vuoti dei giustizialisti

Quando i magistrati si sono mossi per inchiodare Matteo Salvini al caso della Gregoretti, i Cinque Stelle hanno alzato i tacchi e lasciato da solo l’ex alleato leghista davanti al plotone d’esecuzione. Manco fossero stati assenti quando il Viminale (e con i suoi tecnici anche quelli di Palazzo Chigi e di altri ministeri) cercava di risolvere le sorti dei 131 immigrati irregolari che si trovavano sulla nave della Marina Militare. Gli dev’essere sembrata l’azione più efficace (a noi la più vile) per impallinare un nemico scomodo che macina terreno nei sondaggi: farlo sbranare da una sentenza che potrebbe portarlo in carcere per […]

  

Foto ricordo col re degli insulti

“Solo una foto, non pensavamo venisse strumentalizzata per associarci ai poteri forti”. Lascia basiti leggere la pezza che il capo branco, Mattia Santori, cerca di mettere dopo che si è infiammata la polemica per la gita dei pesci piddini alla corte dei Benetton. Ebbene, se fanno fatica a capire cosa disturba di quella foto che li ritrae sorridenti con Luciano Benetton e Oliviero Toscani alla “Fabrica”, il centro di “sovversione culturale” di Treviso, proviamo a farglielo capire sommessamente qui, nel loft. Non che crediamo possa servire a qualcosa ma ci proviamo rinfrescandogli la memoria su quanto siano false le loro campagne […]

  

Lo squalo Soros e le sardine

Ci risiamo, ancora una volta, con George Soros che si erge a burattinaio del mondo. Lo fa mettendo sul banco un miliardo per finanziare un progetto che ha definito “il più importante” della sua carriera da finto filantropo: un network di università impegnate “nel pensiero critico” che si dovranno occupare, tra le altre cose, anche della difesa della democrazia da “dittatori” come Donald Trump o da “potenziali dittatori” come Matteo Salvini. Per fermare quest’ultimo ha già dato la propria benedizione alle sardine che in questi giorni sono, appunto, impegnate a contrastare l’avanzata del centrodestra in Emilia Romagna. Ancora una volta, […]

  

Il leone Sinisa e i conigli rossi

Ha visto di tutto nella sua vita Sinisa, figuriamoci se si fa scalfire da quattro conigli rossi che lo insultano e gli augurano la morte. Lui resterà sempre un leone, loro degli ignobili roditori che si attaccano a una tastiera per inveire contro chi non la pensa come loro. Ne ha viste tante Mihajlovic e oggi non si fa certo problemi a rilasciare un’intervista per dire che appoggia in tutto e per tutto Matteo Salvini. Non se li fa anche se siede sulla panchina di una squadra, il Bologna, la cui curva è più rossa che non ce n’è. E […]

  

La stagione della viltà

Dalla stagione del coraggio si è immancabilmente tornati alla stagione delle menzogne e delle viltà. In questo triste passaggio alcuni attori sono rimasti gli stessi. Altri ne sono subentrati creando un mix esplosivo di incompetenza e imperizia. Il risultato (devastante) era chiaro sin dai primi giorni di settembre quando hanno improntato tutta la propria azione di governo sulla discontinuità con le misure fatte approvare dalla Lega. Il caso Gregoretti è sicuramente lo specchio della foga con cui il nuovo governo ha voluto improntare la propria azione. Giorno dopo giorno si è macchiato di una lunga sequela di bugie per coprire […]

  

Di Maio, servo dell’incoerenza

“L’interesse pubblico prevalente non c’era, fu un’azione personale”. A parlare non sono i magistrati che vogliono incastrare Matteo Salvini con il caso della Gregoretti, la nave militare con 131 immigrati clandestini a bordo a cui il Viminale vietò lo sbarco per quattro giorni, ma il forcaiolo Luigi Di Maio che, in barba a quando aveva difeso l’ex alleato leghista dall’inchiesta (identica) sull’affaire Diciotti, ha fatto sapere che trascinerà i suoi uomini a votare “contro l’interesse pubblico prevalente” e a favore del processo. È l’ultima giravolta di un movimento che, da quando ha deciso di andare a braccetto con il Partito democratico, ha […]

  

Le sardine nuotano nell’illegalità

Le sardine hanno finalmente gettato la maschera. Non che avessimo dubbi sulla loro fede politica. Ci interessava, però, capire quanto rosse fossero realmente. Non lo hanno dimostrato compilando un inutile programma in sei punti, ma decidendo di fare la loro prima riunione in un palazzo occupato, lo spazio Spin time di via di Santa Croce in Gerusalemme, a due passi dalla piazza San Giovanni che hanno riempito sabato pomeriggio. Una scelta di campo, al fianco dell’illegalità. La stessa fatta lo scorso maggio dall’elemosiniere di papa Francesco che aveva tranciato i sigilli apposti dalla società a cui gli abusivi rubavano la corrente elettrica. Quasi sempre i gesti valgono […]

  

Sardine sotto vuoto (di idee)

Va detto subito che a riempire le piazze sono davvero bravi. Si ritrovano città dopo città e stanno lì tutti stipati come sardine, appunto. E pensare che è partito tutto da un flash mob spinto con il tam-tam su Facebook, almeno così dicono. Personalmente non credo affatto alle nascite spontanee dei movimenti di piazza. Non basta un tweet o un invito inviato su Whatsapp a chiamare a raccolta seimila persone. Nemmeno se il grido di battaglia è “Fermiamo a tutti i costi Matteo Salvini“. Ad ogni modo la moda è scoppiata. E, senza nemmeno curarsi di guardare cosa e soprattutto […]

  

Il doppio gioco di Conte nell’estate delle trame

Facciamo un passo indietro. Un piccolo balzo all’estate scorsa, prima ancora che Matteo Salvini facesse saltare in aria il banco e mandasse a carte quarantotto l’esperienza gialloverde. In quei mesi concitati è successo di tutto, ovviamente non alla luce del sole, ma soltanto adesso si inizia a capire qual è stata la vera posta in gioco e chi ha realmente manovrato contro gli interessi del Paese. “Matteo, non hai dimostrato cultura delle regole”, ha urlato il premier Giuseppe Conte contro l’allora ministro dell’Interno mentre annunciava all’Aula di Palazzo Madama le proprie dimissioni. “Non abbiamo bisogno di uomini con pieni poteri, […]

  

Ombre cinesi su Beppe

“Capita spesso che un ambasciatore di un Paese straniero voglia incontrare una personalità italiana e questo è valso anche per Grillo, perché scandalizza questo?”. La finta ingenuità ostentata oggi da Luigi Di Maio ci dice che, quando alziamo un forte sospetto sull’operazione condotta da Beppe Grillo con i cinesi, siamo sulla strada giusta. La scorsa settimana, infatti, il comico genovese, nonché fondatore del Movimento 5 Stelle, ha incontrato l’ambasciatore cinese in Italia, Li Junhua, ben due volte nel giro di meno di ventiquattr’ore. Non si sa se l’abbia fatto a titolo personale o in rappresentanza del partito che telecomanda a […]

  

Il blog di Andrea Indini © 2022
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>