L’odio dei politicamente corretti

Me ne sono tenuto alla larga il più possibile, tanto lo considero un dibattito stucchevole. Siamo usciti da un’emergenza sanitaria senza precedenti per poi trovarci impantanati in un surreale braccio di ferro tra l’ottusità della dittatura del politicamente corretto e il dono dell’intelletto che, di questi tempi, mi sembra manchi davvero a tanti. Il caso Floyd, l’afroamericano ammazzato da un poliziotto nelle strade di Minneapolis, è stata la miccia per far esplodere un odio che covava sotto da tanto tempo. L’odio contro il buon senso. Così dobbiamo assistere ai raid di un manipolo di scalmanati, che la prof di storia […]

  

Il taglio dell’Iva come uno show

La passerella a Villa Pamphili si è conclusa con lo spettacolo pirotecnico del premier Giuseppe Conte. Dopo una settimana di incontri ha calato l’asso della una riduzione dell’Iva per rilanciare i consumi. Ottimo (si fa per dire). E pensare che fino a qualche mese fa temevamo addirittura che ce la alzassero a causa delle clausole di salvaguardia che ogni anno riusciamo a evitare di un soffio. Ebbene, l’avvocato del popolo si è impegnato (a parole, ovviamente) a dare una limatina all’odiato balzello. Di quanto? Non lo ha detto. Se fosse anche solo di un punto percentuale arriverebbe a costargli circa […]

  

Il Club Bilderberg di Conte

Otto e mezzo. In collegamento c’è Mario Monti che, trattenendo a stento il riso, parla degli Stati Generali indetti dal premier Giuseppe Conte per far ripartire l’economia nostrana. “Li possiamo chiamare la Bilderberg dei Cinque Stelle”. In studio anche Lilli Gruber trattiene a stento la risata. Entrambi, d’altra parte, sanno bene come funzionano le cose quando, una volta l’anno, il club creato nel 1954 dal banchiere statunitense David Rockefeller si riunisce per stabilire le sorti dell’ordine mondiale. Se la ridono, forse, perché lo standing delle conferenze organizzate in questi giorni a Villa Pamphili non eguaglia quelle a cui sono soliti […]

  

La folle scuola della Azzolina

Penso alle mie figlie, di cinque e due anni. Tolte, a metà dell’anno, dalla scuola materna e dall’asilo nido. Penso alla difficoltà di spiegarle l’esistenza di un virus terribile che si trasmette abbracciando le persone, giocando con gli amici, dando i baci ai nonni. E penso ai prossimi mesi, alla ritrovata libertà. Penso all’enigma delle vacanze, al mare con tutte le restrizioni possibili. Penso a settembre, alla ripresa della scuola. Alla più piccola, molto probabilmente, il nido sarà precluso. Per la più grande, che inizierà il cammino delle elementari, si pensa un rientro con le visiere al posto delle mascherine e […]

  

La balla del Covid “fascista”

Uscito dal lockdown, in centro a Milano mi sono imbattuto nella pubblicità che, sulla fiancata di un tram, sponsorizzava voli scontatissimi per il mese di febbraio. Per oltre tre mesi il Paese si è fermato, chiuso in se stesso, capace solo di guardare in faccia il morbo. Ora che i ristoranti stentano a riaprire, che i mezzi pubblici vanno a singhiozzo e il traffico non ancora congestiona le strade ai semafori, sembra che le lancette dell’orologio stiano riprendendo lentamente a correre. A dispetto di tutta questa flemma (o, forse, proprio a causa di questa), dalla quarantena in molti escono con […]

  

Il governo sana i clandestini (e non l’Italia)

Il governo Conte non riesce a sanare il Paese, affetto da una crisi economica senza precedenti, ma si mette a sanate centinaia di migliaia di immigrati irregolari. Per carità, non c’è niente di nuovo sotto il sole: è uno dei vezzi più antichi della sinistra quello di regalare la cittadinanza italiana agli stranieri. Ci hanno provato nella scorsa legislatura tentando il blitz con lo ius soli. Ci riprovano ora, mentre l’Italia è allo sbando, con una maxi sanatoria che potrebbe portare a regolarizzare circa 600mila clandestini. Il Paese esce malconcio dalla “fase 1”. All’emergenza sanitaria e ai morti, si aggiungono […]

  

La terribile gabbia della fase 2

Innanzitutto ci servirà un affidabile “termometro dei sentimenti” per capire chi sono quegli “affetti stabili” che vanno sotto la dicitura “congiunti” e a cui, a partire da lunedì prossimo, potremo andare a far visita. Poi, nel dramma, si dovrà fare una selezione all’ingresso per decidere chi può partecipare ai funerali e chi no. Da decreto sono ammessi “parenti di primo e secondo grado” ma comunque non più di quindici persone. Qualcuno resterà sicuramente fuori. Coi numeri non si scherza! E che dire della giungla di protocolli stilati per i negozi che scalpitano per riaprire e non morire di debiti? Si va […]

  

Il Mes e lo spettro della Troika

Il premier Giuseppe Conte deve proprio tenere al Fondo salva Stati. È da mesi che ci gira attorno. È stato giusto l’estate scorsa che, tenendo all’oscuro mezzo governo (al tempo leghisti e grillini andavano ancora a braccetto), aveva dato il via libera a una riforma che, una volta approvata, renderà il Meccanismo europeo di stabilità (Mes) ancora più pericoloso per chi ne farà ricorso. A distanza di qualche mese, mentre l’Unione europea viene trascinata in una crisi economica devastante generata dalla pandemia del coronavirus, ecco Conte tornare alla carica proponendo di “liberare” i 410 miliardi di euro del Fondo salva […]

  

Tutti gli errori nella lotta al virus

Ci sono molti eroi. Non conosciamo i loro nomi. Operano, nel silenzio, da quando è scoppiata l’emergenza coronavirus. Penso ai medici, agli infermieri e, più in generale, a tutti gli operatori sanitari. Molti di loro ora sono positivi a Covid-19. Alcuni sono addirittura morti, passando dall’altra parte della barricata: fino a poche ore prima erano lì a lottare per salvare le vite dei pazienti ricoverati nei loro ospedali; poi, d’improvviso, eccoli gettati nel baratro. L’epidemia è dilagata così velocemente e con una violenza tanto inaspettata da travolgere l’intero sistema come uno tsunami di morte. Di sicuro, a guardare indietro, sono stati […]

  

La riforma insicurezza

Per il momento sono solo proposte. La linea, però, resta quella fissata da Repubblica tempo fa: “Cancellare Salvini”. La crociata è stata presa sul serio dal governo giallorosso che ieri, tra bisticci e divergenze, ha iniziato a buttar giù una prima bozza di riforma dei due decreti Sicurezza. L’intento delle misure volute dal Matteo Salvini quando sedeva al Viminale era combattere l’immigrazione clandestina, fermare gli assalti delle Ong alle nostre coste e dare un freno al business dell’accoglienza che per anni è stato la mangiatoia della sinistra nostrana. Ora Giuseppe Conte e Luciana Lamorgese stanno orchestrando il passo indietro che cancellerà i due […]

  

Il blog di Andrea Indini © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>