Errori, sviste e retromarce: così il virus dilaga in Italia

A distanza di mesi da quando ho scritto Il libro nero sul coronavirus (Historica Edizioni) con Giuseppe De Lorenzo, ancora troppe domande restano senza risposta. Risulta innanzitutto impossibile ricostruire la catena epidemiologica che ha portato il Covid-19 a diffondersi tanto rapidamente in tutto il mondo. Allo stesso modo restano coperti da una coltre di mistero i grossolani errori che hanno portato ad accumulare ritardi su ritardi nella gestione dell’emergenza sanitaria. Tornando però indietro al 26 dicembre 2019, quando i medici cinesi si sono accorti delle prime “polmoniti di origine sconosciuta”, una certezza si corrobora: al netto dei silenzi della Cina […]

  

Il veleno rosso su Briatore

Non appena è iniziata a rimbalzare sui siti la notizia del ricovero in ospedale, si sono scatenati tutti quanti. Non aspettavano altro. In prima linea gli ormai noti catastrofisti del virus. Poi, subito dopo, la stampa che sta facendo da gran cassa a chi si presta a terrorizzare maggiormente gli italiani. Ma perché prendere di mira con tanta violenza Flavio Briatore? Forse perché si è sempre esposto in prima persona contro un governo che da sei mesi a questa parte tentenna e pasticcia anziché risolvere le emergenze (prima quella sanitaria, poi quella economica) scatenate dal coronavirus? Probabilmente sì. Ma non […]

  

I catastrofisti del virus all’attacco

Stanno preparando la strada. Lentamente, ma lo stanno facendo. Nonostante i verbali del Comitato tecnico scientifico abbiano sollevato non poche perplessità sulla gestione dell’emergenza Covid, sono molti gli allarmisti che soffiano su una nuova, imminente chiusura. Lo fanno ormai da settimane: snocciolano dati catastrofistici, ipotizzano scenari terrificanti e studiano nuovi piani per (ri)chiudere, magari anche solo parzialmente, il Paese. “I positivi di oggi non sono per forza malati”, va ripetendo ormai da settimane il professore Alberto Zangrillo. Ma, sebbene porti numeri e casi scientifici, viene tacciato di “negazionismo”. Perché il gioco dei catastrofisti ormai è chiaro: tenere alta la paura […]

  

Il governo gioca con la nostra salute

Gualdo Cattaneo è un piccolo Comune di appena seimila anime a una quindicina di chilometri da Foligno. Qualche giorno fa si è visto recapitare venticinque tunisini a cui, dopo essere sbarcati ad Agrigento, erano stati imposti quattordici giorni di quarantena. Quando la pressione sulle coste siciliane si è fatta pesante, anziché bloccare gli sbarchi, il Viminale ha infatti deciso di sparpagliare clandestini, potenzialmente infetti, in tutto il Paese. Il punto è che le strutture dove vengono destinati i migranti non sono controllate e che questi le lascino tranquillamente. A Gualdo Cattaneo, per esempio, sono stati messi in un agriturismo gestito da una […]

  

La terribile gabbia della fase 2

Innanzitutto ci servirà un affidabile “termometro dei sentimenti” per capire chi sono quegli “affetti stabili” che vanno sotto la dicitura “congiunti” e a cui, a partire da lunedì prossimo, potremo andare a far visita. Poi, nel dramma, si dovrà fare una selezione all’ingresso per decidere chi può partecipare ai funerali e chi no. Da decreto sono ammessi “parenti di primo e secondo grado” ma comunque non più di quindici persone. Qualcuno resterà sicuramente fuori. Coi numeri non si scherza! E che dire della giungla di protocolli stilati per i negozi che scalpitano per riaprire e non morire di debiti? Si va […]

  

Il costo umano della pandemia

Ci sono immagini che non ci leveremo più dagli occhi. I camion dell’esercito, che di notte attraversano il centro di Bergamo per portare in altre città le salme che si riescono a cremare, è sicuramente una di questa. I detenuti, che ad Hart Island scavano le fosse comuni per deporre bare senza nome, è un’altra. E ancora: i malati nelle terapie intensive, quei corpi immobili rivolti a pancia in giù, quei caschi claustrofobici che travisano i lineamenti dei volti, quel rantolo che a poco a poco si spegne. Da mesi stiamo convivendo con questo orrore. E ora che il peggio […]

  

Ci portano via tutto

È proprio mentre il popolo è in ginocchio che gli anti italiani entrano in azione per fare ancora più male. Nelle ultime ore si è, infatti, delineato il drammatico quadro che ci attende nei prossimi mesi. Prima di annunciare il prolungamento del lockdown fino ai primi di maggio, il premier Giuseppe Conte si è inchinato ai padroni dell’Europa accettando una versione edulcorata (ma pur sempre pericolosa) del Fondo salva Stati e rassegnandosi all’idea di non avere i coronabond. Nel frattempo il Partito democratico se n’è uscito rispolverando la solita rapina del ceto medio: la patrimoniale. Il tutto mentre sui mercati […]

  

Tutti gli errori nella lotta al virus

Ci sono molti eroi. Non conosciamo i loro nomi. Operano, nel silenzio, da quando è scoppiata l’emergenza coronavirus. Penso ai medici, agli infermieri e, più in generale, a tutti gli operatori sanitari. Molti di loro ora sono positivi a Covid-19. Alcuni sono addirittura morti, passando dall’altra parte della barricata: fino a poche ore prima erano lì a lottare per salvare le vite dei pazienti ricoverati nei loro ospedali; poi, d’improvviso, eccoli gettati nel baratro. L’epidemia è dilagata così velocemente e con una violenza tanto inaspettata da travolgere l’intero sistema come uno tsunami di morte. Di sicuro, a guardare indietro, sono stati […]

  

Il corteo di morte

In coda, nel cuore della notte. Il lento incedere del corteo funebre senza un solo famigliare a stargli dietro, a pregare per quelle vite spezzate dal virus maledetto che stronca la respirazione. Le immagini che ieri sera ci sono arrivate da Bergamo raccontano più di ogni altra il dramma che stiamo vivendo. Il coronavirus ci sta mettendo in ginocchio e, nonostante i continui sforzi dei medici in prima linea e della comunità scientifica che si sta affannando per trovare una cura, il numero dei morti continua a salire inesorabilmente. Così la fragilità del vivere ci strappa anche la speranza di […]

  

Il virus della disunione europea

C’era un tempo in cui i “democratici” burocrati europei pontificavano contro la chiusura dei confini. Al loro fianco, in una instancabile battaglia contro i partiti nazionalisti che con il passare degli anni hanno preso sempre più piede, i leader dei vecchi partiti vicini all’establishment. Quante volte abbiamo sentito Angela Merkel pontificare a favore della libera circolazione? Adesso che ad essere minacciate sono le frontiere tedesche la cancelliera ha deciso di alzare un muro con i Paesi che confinano con la Germania. Tutto blindato finché non sarà passata l’emergenza coronavirus. Non è l’unico capo di Stato in Europa ad aver chiuso […]

  

Il blog di Andrea Indini © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>