Basta lezioni da francesi e tedeschi

Ci trattano come appestati. E ci prendono pure in giro. Come al solito, quando c’è da dimostrare l’unità dell’Europa, i tedeschi e i francesi sono i primi a picchiar duro contro l’Italia e a lasciarci soli. Colpa sicuramente di un esecutivo (quello giallorosso guidato da Giuseppe Conte) debole e incapace di far valere i nostri diritti a Bruxelles. Il risultato è che, nonostante il vero untore sia proprio la Germania, veniamo dipinti come un lazzaretto infestante e messi in quarantena forzata. Non solo. Anche sul fronte degli aiuti, Berlino e Parigi hanno deciso di non fare la propria parte bloccando l’esportazione di […]

  

Macron vuole la guerra

Perché Emmanuel Macron richiama l’ambasciatore francese a Roma, Christian Masset, proprio ora? Nei mesi scorsi da entrambe le parti si sono alzate invettive violentissime. Ad attaccare, per la verità, è stato sempre l’Eliseo che non ha mai mancato di criticare e insultare per il proprio tornaconto politico. Ora, però, in piena crisi dei consensi, eccolo usare una delle più pesanti leve diplomatiche per attaccare Luigi Di Maio, rimangiarsi l’accordo stretto con Matteo Salvini per ripartire i 47 migranti che si trovavano a bordo della Sea Watch 3 e far saltare la trattativa sul salvataggio di Alitalia. I due governi – quello di […]

  

Il “Nuovo ordine” di Merkel e Macron

Oggi Emmanuel Macron e Angela Merkel si sono trovati ad Aquisgrana per celebrare un funerale. Il trattato che hanno sottoscritto non solo rafforza le relazioni bilaterali tra la Germania e la Francia ma certifica anche il superamento dell’Unione europea. Non che fino a oggi non fossero francesi e tedeschi a fare il bello e il cattivo tempo a Bruxelles. Ma ora le due super potenze intendono portare questo asse di ferro “a un nuovo livello” che, di fatto, fa fuori il resto degli Stati membri. I due predatori dell’Unione europea sono usciti allo scoperto. E lo hanno fatto in una […]

  

La rivolta dei Paesi fondatori

Eravamo seduti su una polveriera. Ma solo adesso che sta bruciando possiamo sentire quanto scotta. L’ondata di protesta, che lo scorso 4 marzo ha travolto le urne italiane mettendo il Paese nelle mani di un’alleanza inedita e contro-natura, sta ora dilagando in Francia. E Bruxelles non può che prenderne atto: per la prima volta nella sua storia la tenuta dell’Unione europea viene profondamente messa in discussione. E a farlo sono due Paesi che l’hanno fondata. Finora il deficit francese era al 2,8%. Con le misure annunciate ieri sera dal presidente Emmanuel Macron lieviterà al 3,4%. Solo l’abolizione della tassa sui […]

  

Il blog di Andrea Indini © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>