Giallorossi sì, ma anche bianchi

La saga sugli appelli per l’accoglienza dei migranti può terminare qui, con l’avvento dei giallorossi. C’è un “cambio di rotta”. I cattolici progressisti lo hanno notato prima degli altri. Loro giallorossi lo sono sempre stati. Giallo è il colore dell’indefinito, quello che può essere accostato a tutto: una decorazione che non sfigura. Rosso è il massimalismo dei post-comunisti, ma i “cattolici adulti” non hanno mai disdegnato una tonalità di socialismo spumato. Se non altro perché veste bene. La Comunità di Sant’Egidio e il Centro Astalli, che evitiamo d’inserire nell’elenco dei cattocomunisti, hanno già deliberato: il comandamento è essere speranzosi. La […]

  

Papa Francesco non vuole muri, ma se a chiederli sono i “nuovi poveri”?

d Papa Francesco ne è sicuro: “Si possono costruire tanti muri e sbarrare gli ingressi per illudersi di sentirsi sicuri con le proprie ricchezze a danno di quanti si lasciano fuori. Non sarà così per sempre”. Perché le diseguaglianze sono troppo evidenti e un sistema socio-economico di questo tipo non può reggere. La condizione di povertà dei molti, insomma, avrà modo di replicare, in qualche modo, allo stradominio dei pochi, cioè di coloro che detengono buona parte della ricchezza internazionale. C’è una statistica dell’Oxfam, che viene aggiornata di anno in anno: conferma quella tendenza e dimostra pure come il tema […]

  

Il diario del ribelle © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>