Green Pass, vale davvero la pena di reintrodurlo in autunno?

A volte, nella vita, le scelte sono particolarmente spinose. Soprattutto quando si tratta di scegliere tra una decisione logica, razionale, apparentemente inoppugnabile, e un’altra che tiene conto dell’emotività. Quale delle due sceglieresti? La risposta sembra ovvia: scelgo la strada razionale, che diamine! Chissenefrega dell’emotività, devo badare al risultato! Eppure sbaglieresti. Perché? Perché va tenuto in considerazione il fatto che noi uomini siamo animali mossi dalle emozioni. Dagli impulsi, dai sentimenti. Questa constatazione introduce l’argomento che, insieme con i rincari e la penuria di materie prime, terrà banco il prossimo autunno: la pandemia. Adesso, in piena estate, i casi stanno aumentando. […]

  

Come burocrazia e protocolli ci rendono disumani

Cosa pretende la burocrazia? Che tutto segua un lungo iter prestabilito Con i suoi bravi timbri, passaggi, procedure. E con le sue mille, inevitabili autorizzazioni. Che fanno perdere tempo. E anche la voglia di proseguire. In un mondo che corre sempre più veloce, la burocrazia soffocante rallenta, ostacola e a volte affossa anche i progetti più belli. Il burocrate, lo sappiamo, non è affatto interessato al risultato. E non per colpa sua: così gli viene chiesto. Deve soltanto verificare che il lungo, estenuante processo di verifica venga seguito punto per punto. Si privilegiano le scartoffie rispetto all’obiettivo Questo modo di […]

  

Ucraina: è tutta colpa della Nato

Se Putin ha attaccato l’Ucraina, è colpa della Nato che lo minacciava. E’ l’idea portata avanti da molti: il  padrone del Cremlino ha agito per difendersi, perché l’Alleanza Atlantica è avanzata ad est dopo la fine dell’Urss, inglobando Paesi che facevano parte dell’impero sovietico. Penso anch’io che l’aggressione di Putin sia colpa della Nato. Ma in un altro senso. Nel senso che la Nato, l’Occidente, gli Usa e l’Europa si sono mostrati troppo deboli e arrendevoli. Non hanno reagito, se non con blande sanzioni, quando la Russia ha invaso la Crimea nel 2014. E nemmeno quando, nel 2008, ha mandato […]

  

Ucraina: perché Putin ha ragione

Stamattina un conoscente che si proclama “patriota” e si vanta di conoscere la storia a menadito mi ha detto che Hitler ha fatto bene a invadere prima i Sudeti, poi l’Austria e infine la Polonia: voleva soltanto difendere i tedeschi locali, minacciati e perseguitati, e riunirli alla madrepatria. Il mio compito è proteggere i tedeschi, ovunque si trovino, proclamava il Fuehrer. E poi, perbacco, i Sudeti e l’Austria facevano parte della Grande Germania già ai tempi del Sacro Romano Impero Germanico! Seguendo lo stesso criterio storico, culturale e patriottico, ha aggiunto, Putin fa bene a invadere l’Ucraina: l’Ucraina era parte […]

  

Solo la rabbia o il terrore faranno cessare l’emergenza pandemia

Non credo proprio che questo 2022 segnerà la fine della pandemia. Sono un menagramo? No, guardo i fatti. E i fatti dicono che in un mondo globalizzato non possiamo pretendere di sconfiggere il virus se non vacciniamo tutto il mondo. A cominciare dall’Africa, che è qui a due passi. Quindi anche se il 100% degli italiani si facesse la terza, la quarta e la quinta dose continueremmo ad avere il Covid tra di noi. Senza contare il fatto che il vaccino è sempre in ritardo di una variante. Pfizer e Moderna hanno annunciato che in primavera avranno aggiornato i loro […]

  

Viva il pensiero unico!

Esiste il pensiero unico? L’ideologia dominante, alla quale bisogna conformarsi, pena l’essere emarginati, criminalizzati, derisi? Se guardiamo al pubblico dibattito oggi in Italia e in buona parte dell’Occidente, là dove vige il politicamente corretto, viene da rispondere di sì. Il pensiero unico è quello che viene divulgato dai principali giornali, dalle reti televisive più seguite, dalle radio più ascoltate, dai siti d’informazione più popolari. E che viene proclamato dagli opinion leaders più accreditati, dagli intellettuali, dalle personalità dello spettacolo, dagli influencer. E dai politici considerati più “rispettabili”, cioè meno divisivi. Nel loro libro “L’ideologia tedesca” Marx ed Engels scrissero che […]

  

No vax = Terroristi

Ieri il quotidiano Libero ha titolato: Criminali no vax. Oggi il virologo Bassetti ha detto che sono dei terroristi, e come tali vanno puniti. Da mesi sugli organi d’informazione si sottolinea che nelle loro manifestazioni ci sono, tra gli altri, i neofascisti di Forza Nuova. Ergo: i no vax sono un branco di fascistoni. Criminali. Terroristi. Fascisti. Nemici pubblici. Se quelli che non vogliono vaccinarsi, circa un quarto della popolazione italiana, fossero tutti così, ci sarebbe da preoccuparsi seriamente. Sono un pro vax, mi sono vaccinato e sono contento di averlo fatto. Ma ho molti amici che preferiscono evitare il […]

  

Pestaggi in carcere: stai con gli agenti o con i delinquenti?

Il titolo di questo articolo è fuorviante. E’ profondamente sbagliato. L’ho letto su un social, e l’ho voluto riportare qui. Per farci riflettere, caro lettore, su come – e quanto – ragioniamo sull’onda di scariche emotive. Non con il cervello, ma con la pancia. O con altre parti del corpo, che stanno ancora più in basso. Davanti ad una domanda così – stai con gli agenti o con i delinquenti, con i servitori dello Stato che ci proteggono o con i criminali che ci ammazzano – chi potrebbe mai rispondere che sta con i secondi? E’ una falsa alternativa. Ed […]

  

Sei negazionista o covidiota?

Negazionisti e covidioti: questi due neologismi offensivi dimostrano fino a che punto è degenerata la convivenza civile. (In realtà il termine negazionista è già usato da decenni per indicare chi, nonostante le numerosissime e inconfutabili prove a riguardo, si ostina a negare l’esistenza della Shoah. E proprio per questo definire con il termine spregiativo di negazionista chi mette in dubbio alcune informazioni sulla pandemia, come se li nutrisse sull’Olocausto, significa bollarlo con un marchio vergognoso). Chi non la pensa come me è o un nemico, o un cretino: tertium non datur. Chi è perplesso sulla verità ufficiale relativa alla pandemia […]

  

Draghi, i poteri forti e i poteri occulti

Quando sento gridare al pericolo che i “poteri forti” – di cui Mario Draghi sarebbe una delle massime espressioni – prendano il potere, mi sento preso in giro. Per un motivo molto semplice: chiunque vada al potere diventa forte. E diventa establishment. Per il solo fatto che manovra le leve di comando. Se le hai in pugno, sei forte. Come se impugnassi un bazooka: questo ti rende molto più forte di chi circola disarmato. Chi ha i soldi ha, ovviamente, potere. I banchieri, i grandi imprenditori, le multinazionali e i grandi finanzieri fanno di diritto parte dei poteri forti. Così […]

  

Il motivatore © 2022
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>