Buon Paradiso, Anima Bella!

Sabato 8 febbraio 2020, Santa Giuseppina Bakhita, da Casa Spirlì, a Taurianova.  (Aladin sky Atlas)  Hai spalancato come un uragano la porta della mia solitudine, Cuginetta mia. Di colpo, mentre Tu attraversavi questo velo impalpabile ed invisibile che da poche ore apparentemente ci separa, mi sono inabissato nella più profonda delle assenze. La mia. Mi sono trovato a guidare la mia utilitaria verso casa Tua, Vostra, senza avere la percezione di me. Ai miei occhi, nelle pieghe dei pensieri, dentro le orecchie, sulla pelle, solo un gigantesco senso di vuoto. Manchi da quell’inaccettabile ultimo respiro terreno. Manchi. E non è […]

  

Parroco da Guinness. 50 anni nella stessa Parrocchia

Lunedì 6 novembre 2017, Beati 498 Martiri Spagnoli – a Casa Spirlì, Taurianova (L’Arciprete Don Alfonso Franco – Photo Teo Panza) Avevo quattro o cinque anni e nelle orecchie flautava la voce dell’Economo Don Fazzalari, il quale celebrava, di spalle, la messa in una strana lingua che non capivo, ma che mia Madre e mio Padre, per me bambino, conoscevano tanto bene da “parlarla”, dritti in piedi, mentre il prete, coperto da ornamenti ricchissimi, sembrava si rivolgesse direttamente a Qualcuno di invisibile, fra i fumi profumati dell’incenso di Gerusalemme. Doveva essere molto importante, quel Qualcuno. Perché, ogni volta che il […]

  

Taurianova: la politica “oscura” la Madonna

Sabato 9 settembre 2017 – Senza santi in paradiso – in Calabria (L’inizio della processione) Sarà stata felicissima, la Santa Vergine, di essere “oscurata” nel giorno del Suo Santissimo compleanno, durante la festa religiosa di Taurianova, di cui è Patrona! Felicissima e onorata di aver guadagnato, Lei, Sposa Madre Sorella e Figlia di Dio, e dopo ben duemiladiciassette anni di primato universale, la retrocessione al secondo posto alle spalle delle umane miserie della politica locale. Eh, già! La Sacra Effigie della Madonna della Montagna, peraltro miracolosa, uscita dalla Casa del Signore, ha dovuto prendere atto, dalla Nobiltà del proprio legno […]

  

Quando muore un Amico

Sabato 31 gennaio 2015 – San Giovanni Bosco – Taurianova (Michele Sisinni)   Quando muore un Amico si ferma il mondo per un istante. Sembra quasi voglia cadere nell’abisso del Nulla. Tu perdi ogni riferimento reale. Corri con la mente nelle vie del passato quasi a rincorrere e catturare, per fissarle, le immagini di chi si sta incamminando verso un Mondo a fianco, di cui, però, da vivo, non hai percezione. Cerchi di sfrondare i pensieri di tutto ciò che non riguardi i vostri incontri, le chiacchierate, anche solo i gesti scambiati. Quando muore un Amico cambi abito alla tua […]

  

ISLAMOFOBIA? #ridicolaitalia

Venerdì 29 agosto 2014 – senza Santi in Paradiso – Redazione di SUD, Gioia Tauro Eccola, la cazzata di fine agosto! Islamofobia. Ecchevordì? Avrebbe esclamato il personaggio che Enrico Montesano presentò alla Rai nei lontani anni settanta… Islamofobia mi fa venire l’orticaria come omofobia e femminicidio. Parole che non significano proprio nulla. Neologismi che intossicano i rapporti e creano barricate, anzi muri di gomma, fra la gente. E che offendono l’intelligenza e l’umanità di ognuno di noi. Islamofobia. Bah! Peraltro, mi sembra che la misura la stia colmando proprio quella parte di mondo che sta riportando l’Uomo indietro di mille […]

  

La Madonna costretta all’inchino davanti al boss.

Domenica 6 luglio 2014 – Santa Maria Goretti – Compleanno Martina – Taurianova [youtube cab4dWI6ZqE] Non ha piegato la testa che davanti al volere del Padre Celeste, la Madre Celeste. Non si è arresa ai Romani, ai Barbari, ai Saraceni, alla Democrazia Cristiana e ai Papi. E’ Regina dei Cieli, Madre di Gesù, Sposa dell’Altissimo, Imperatrice degli Angeli e degli Arcangeli. Madre e Custode dei Credenti e, da sempre, Manto della Misericordia dei peccati della Chiesa. E’ bastato un comitato feste patronali, quello di Oppido Mamertina, un prete da scomunicare subito  e un plotoncino di politici disattenti per renderla ridicola […]

  

Quell’Italia senza cuore…

Martedì 29 Aprile 2014 – Santa Caterina da Siena – Taurianova Non me ne faccio una ragione. Mi addoloro, invece. Ogni volta che succede. Ogni volta che mi arriva una foto di cuccioli abbandonati. Cuccioli di cane, di gatto, di ogni specie e razza. Ogni volta che un umano dimostra tutta la sua cattiveria. Ogni volta. Sempre lo stesso dolore. Perché mi chiedo che colpe possano avere per essere condannati a morte. E che morte. Buttati come spazzatura, eppure vivi. Con il sogno di crescere e trovare un umano a cui fare compagnia. A cui “servire”. E, invece, porca zozza, […]

  

Stabat Mater

Venerdì 18 Aprile 2014 – Passione e Morte di Gesù di Nazaret, il Cristo – Taurianova Stabat Mater dolorósa  iuxta crucem lacrimósa, dum pendébat Fílius. Cuius ánimam geméntem, contristátam et doléntem pertransívit gládius. O quam tristis et afflícta fuit illa benedícta Mater Unigéniti! Quae moerébat et dolébat, Pia Mater dum videbat nati poenas ínclyti. Quis est homo, qui non fleret, Matrem Christi si vidéret in tanto supplício? Quis non posset contristári, Christi Matrem contemplári doléntem cum Filio? Pro peccátis suae gentis vidit Jesum in torméntis et flagéllis subditum. Vidit suum dulcem natum moriéndum desolátum, dum emísit spíritum. Eia, mater, fons […]

  

Elogio dell’Amicizia

Sabato 8 marzo 2014 – San Giovanni di Dio – Taurianova Scrivo dell’amicizia con il miele sulle labbra. Perché ho la fortuna di averne, di amici. Posso parlarne perché prendo il mio iPhone, premo un tastino e trovo il gruppo Amici ben nutrito. Dalla A alla Z, ne conto 37. Sono quelli di cui ho certezza. Gli amici che non ho mai messo in discussione, né perso e ritrovato. Semplicemente, non si sono mai spostati di un millimetro. Né col corpo, né con l’anima. Sono quelle persone che hanno gioito con me, senza manifestare o provare mai invidia, ed hanno […]

  

Rifiuti tossici. La Calabria piange i propri morti.

Mercoledì 29 gennaio 2014 – San Costanzo – Taurianova 28 Aprile 1999 – A casa. Vuota. Se n’è andato alle sette del mattino del ventisei. Dopo quindici ore di agonia. Eravamo tutti in cucina Mamma gli aveva preparato due cucchiai di minestrina plasmon ad un certo punto Papà seduto nella poltrona di fronte al caminetto mi chiede di accompagnarlo a letto Mamma arriva col piattino ed io tento di fargli assaggiare la minestrina Mezzo cucchiaio   seduto al bordo del letto e poi mi dice «no» Ci baciamo sfiorandoci le labbra e poi si stende Lo copro Resta vigile ancora […]

  

Il blog di Nino Spirlì © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>