Francesco in Israele: un ‘fatto’ che può cambiare la storia

Sono stati in molti a tirare un sospiro di sollievo quando hanno visto l’aereo di Papa Francesco innalzarsi  dall’aeroporto Ben Gurion alla volta di Roma, lasciandosi dietro la matassa dei complicati rapporti in Terra Santa non certo cambiati ma forse un po’ più allentati di prima. A respirare con sollievo sono stati i quasi 20 mila agenti di polizia, gli operatori dei radar dell’esercito, gli uomini e e le donne dei servizi di sicurezza, i diplomatici, e i burocrati civili e religiosi, ebrei, cristiani e musulmani che hanno trepidato per 72 ore per la possibilità di qualche incidente che avrebbe […]

  

Il papa in Terrasanta: l’augurio di un miracolo

Una fonte vaticana mi suggerisce che noi giornalisti dobbiamo prepararci al viaggio che il papa farà in Terra Santa nel maggio del prossimo anno. Sarà un viaggio molto differente dai pellegrinaggi papali precedenti. Diverso in cosa? – chiedo. Nel simbolismo, certo. Ma sul problema politico che contributo può dare il Papa? Come dice un acuto analista israeliano, Harmon, la difficoltà di risolvere il conflitto Israelo Palestinese è dovuta al fatto che si è trasformato da uno scontro territoriale fra le parti, in un elemento fondamentale della strategia nazionale e ideologica dell’Iran. Alcuni momenti salienti di questo passaggio: nell’ottobre 1991, quando […]

  

L’abito…e il monaco

Per molto tempo si é creduto che l’abito facesse il monaco. Con Papa Francesco sarà il monaco a fare l’abito.

  

Papa Francesco, il silenzio della folla e il miracolo del cambiamento.

Alcune reazioni al l’appello di Papa Francesco mi hanno stupito. C’è la delusione di gente di fede al fatto che l’appello non abbia avuto risultati più o meno miracolosi. C’è la soddisfazione dei razionalisti, atei, materialisti per il fallimento di risultati “pratici”. La richiesta di Francesco ha invece funzionato su entrambi i livelli: quello della fede e quello della logica, per le ragioni nascoste nell’appello. La principale non era quella di invitare al digiuno e alla preghiera, ma quella di tacere i fedeli e far loro ascoltare il silenzio degli altri. Ha funzionato perché il messaggio ha sviluppato una straordinaria […]

  

Papa Francesco al posto dei Gran Rabbini?

In Egitto, in Nigeria, nel Sinai si bruciano le chiese cristiane. In Israele dove, anche se non lo si vuole ammettere, i cristiani si sentono al sicuro e sono liberi di praticare il loro culto, un noto analista politico dell’indipendente Ha’Aretz Carlo Strenger propone di nominare papa Francesco al posto dei gran rabbini rieletti di recente, dopo una vergognosa lotta elettorale. Non c’è, tuttavia, pericolo che gli israeliani si convertano all’insegnamento del rabbino Gesù. Un altro grande esempio evangelico è dato in Egitto dalla decisione di Tawadros II papa dei copti, oggi braccati da più parti, di non opporre violenza […]

  

La Primavera europea inizia a Lampedusa

Non so come mi sia venuta in testa l’idea che il simbolismo esplosivo del viaggio del Papa a Lampedusa potesse essere un “buffo di vento” di primavera “araba” per l’Europa. Forse guardando la vignetta di Radpour (una foglia verde che spunta su una croce di legno morto) pubblicata oggi su La Stampa; forse per deformazione professionale di interesse medio orientale; forse per la coscienza che dopo ogni rivoluzione c’è sempre la contro rivoluzione. Non so. So che il Pontefice nel suo viaggio a Lampedusa e nel suo appello a scuoterci dall’indifferenza, ha toccato il problema fondamentale della nostra epoca e […]

  

Il blog di Dan Segre © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>