L’abito…e il monaco

Per molto tempo si é creduto che l’abito facesse il monaco. Con Papa Francesco sarà il monaco a fare l’abito.

  

Se la Siria diventa il Vietnam di Obama

  La Siria si sta rivelando il Vietnam di Barak Obama. E’ il crollo di un politico trasformato agli inizi in simbolo. Crollo del prestigio della maggiore potenza mondiale. Fine dell’era americana come leader e “poliziotto” del mondo. Scelte strategiche sbagliate dall’inizio non solo nel mondo arabo musulmano ma in quello ebraico israeliano. Rottura della parola data. C’é da rallegrare tutti i cuori anti americani del mondo e soprattutto dei pavidi che gioiscono della caduta degli e “eroi”. Le colpe di Obama non sono poche, prima fra tutte la sua sfrenata ambizione e mancanza di esperienza politica nascosta dietro una […]

  

Papa Francesco, il silenzio della folla e il miracolo del cambiamento.

Alcune reazioni al l’appello di Papa Francesco mi hanno stupito. C’è la delusione di gente di fede al fatto che l’appello non abbia avuto risultati più o meno miracolosi. C’è la soddisfazione dei razionalisti, atei, materialisti per il fallimento di risultati “pratici”. La richiesta di Francesco ha invece funzionato su entrambi i livelli: quello della fede e quello della logica, per le ragioni nascoste nell’appello. La principale non era quella di invitare al digiuno e alla preghiera, ma quella di tacere i fedeli e far loro ascoltare il silenzio degli altri. Ha funzionato perché il messaggio ha sviluppato una straordinaria […]

  

Siria: un intervento inutile

Pubblichiamo per gentile concessione del Corriere del Ticino: L’INTERVISTA A VITTORIO DAN SEGRE «Nella tragedia siriana, l’ipocrisia si unisce alla non conoscenza dei fatti», afferma Vittorio Dan Segre, politologo, fondatore dell’Istituto studi mediterranei presso l’USI. «L’ipocrisia sta nel fatto che finora nessuno ha sentito il bisogno di muoversi anche se 100 mila persone, tra cui migliaia di bambini (oltre 7.000 secondo le stime dell’ONU, ndr.), sono state brutalmente uccise dall’inizio del conflitto, due anni fa. Ma poi appaiono delle fotografie scioccanti, di cui si discute ancora l’autenticità e la responsabilità, che risvegliano il bisogno di agire (l’esperto si riferisce alle […]

  

Papa Francesco al posto dei Gran Rabbini?

In Egitto, in Nigeria, nel Sinai si bruciano le chiese cristiane. In Israele dove, anche se non lo si vuole ammettere, i cristiani si sentono al sicuro e sono liberi di praticare il loro culto, un noto analista politico dell’indipendente Ha’Aretz Carlo Strenger propone di nominare papa Francesco al posto dei gran rabbini rieletti di recente, dopo una vergognosa lotta elettorale. Non c’è, tuttavia, pericolo che gli israeliani si convertano all’insegnamento del rabbino Gesù. Un altro grande esempio evangelico è dato in Egitto dalla decisione di Tawadros II papa dei copti, oggi braccati da più parti, di non opporre violenza […]

  

Le difficoltà del governo Netanyahu

Riuscirà la minaccia del Presidente Obama di cancellare la visita in Israele alla fine di marzo se Nethanyahu non sarà riuscito a formare per quella data un governo coi partiti usciti dalle elezioni del mese scorso? Probabilmente sì, anche perché l’alternativa sarebbero nuove elezioni dalle quali il partito del Premier Likud (associato con quello del ministro degli esteri Liberman) uscirebbe ancora più indebolito. Il problema che Natanyahu deve affrontare é doppio. Se vuole governare deve “ingoiare il rospo”, come scrivono i giornali, e creare un coalizione con il partito nuovissimo Yesh Atid (C’é futuro) dello star della tv Lapid che […]

  

Siria: uno stallo grondante di sangue

Sono ormai 16 mesi che la rivolta araba batte alle porte del regime di Assad in Siria, senza scalzarlo nonostante il molto sangue versato e la progressiva disgregazione del paese che si è sempre proclamato culla del nazionalismo arabo. Per comprendere la capacità di resistenza del regime dittatoriale di Assad internazionalmente denunciato occorre ricordare alcuni fatti che spiegano perché riesce a restare in sella. Il primo fatto è che le notizie che provengo dalle parti in confronto non sono credibili: esagerato è il numero delle perdite, esagerati i comunicati di vittoria da ambo le parti, incontrollabile lo stato d’animo della […]

  

Caos Medio Oriente: quello che non si dice

Alla fine di questo mese la Repubblica di Cipro (che occupa 2/3 dell’isola, l’altro terzo essendo dal 1974 occupato lo “Stato” di Cipro turco non riconosciuto da nessuno tranne dalla Turchia che ha invaso e diviso militarmente l’isola) assumerà la presidenza di turno della Comunità Europea. Un evento che questa volta non è affatto di routine. Anzitutto perché l’irrisolto problema della riunificazione dell’isola è la principale ragione ufficiale che impedisce l’entrata della Turchia nell’Unione europea. In secondo luogo perché la Turchia ha annunciato che rivedrà i suoi rapporti con l’Europa se verrà permesso a Cipro di assumermene la presidenza. L’economia […]

  

Il blog di Dan Segre © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>