mazzeifilippo_francobolloGuardate questo bel documentario della Rai su Thomas Jefferson e il suo amico italiano Filippo Mazzei, cui il blog Monticello è dedicato. Spiega bene l’influenza che l’illuminista italiano ebbe nella stesura della Dichiarazione d’Indipendenza americana (guarda il video).

incorporato da Embedded Video

YouTube Direkt

Qualche commentatore su questo blog in passato ha storto la bocca, ricordando che Mazzei era un massone. Sì, la massoneria ebbe un ruolo importante nella sua formazione culturale e politica, e lo aiutò anche a costruire una formidabile rete di contatti utili per le sue molteplici attività. Ma vogliamo limitarci alle etichette o ci interessa anche approfondire (se ve ne sono) le qualità delle persone?

Divenuto mercante, a Londra, conobbe due americani che, negli anni a venire, avrebbero scritto la storia: Thomas Adams e Benjamin Franklin. Con loro crebbe una forte sintonia su temi quali la libertà e la democrazia. Quando i due amici gli proposero di andare oltre Oceano, per unirsi alla loro battaglia politica, basata sulla democrazia e sulla uguaglianza tra gli uomini, lui accettò di buon grado.

Mazzei_colleIl 2 settembre 1773 con un veliero a tre alberi inglese, il Triumph, ingaggiato a spese del Granduca Leopoldo di Lorena, Mazzei partì alla volta della Virginia. Portò con sé un gruppo di contadini toscani, un sarto piemontese, diverse talee di vite, piante di olivo e della noce, ovuli di baco da seta, zappe, vanghe, alcuni preziosi libri (tra cui uno da poco pubblicato, “Dei delitti e delle pene” di Cesare Beccaria, testo chiave del pensiero giuridico moderno) e due capre. Gli unici animali che il capitano della nave, James Rogers, aveva accettato di prendere a bordo.

Nella fertile terra della Virginia, per alcuni aspetti simili alla sua Toscana, ebbe la fortuna di conoscere e frequentare tutti e cinque i primi presidenti americani: George Washington, Thomas Jefferson, John Adams, James Madison e James Monroe.

 

Tag: ,