La  notizia ha destato un certo scalpore. Jason Collins, 34 anni,di professione giocatore di basket (gioca nei Washington Wizards), è il primo atleta dello sport professionistico statunitense a dichiarare di essere gay. E a farlo, noncurante delle polemiche e delle pressioni degli sponsor, durante la carriera. Collins ha fatto coming out in un’intervista su Sport Illustrated, in edicola il 6 maggio. “Sono un pivot dell’Nba di 34 anni. Sono Nero. E sono gay”. Questa la frase che, senza troppi fronzoli, ha rotto un vero e proprio tabù per lo sport a stelle e strisce. Jason però non ci tiene a fare l’eroe e mette subito le mani avanti:  “Non ho fatto questo gesto per essere il primo, ma visto che lo sono sono contento di dare il via a questo dibattito. Mi sarebbe piaciuto – spiega Collins – non essere il primo bambino ad alzare il ditino in classe e dire ‘sono differente’. Se le cose fossero andate a modo mio, qualcun altro avrebbe fatto questa mossa prima di me. Ma siccome non è andata così, a me è toccato alzare il dito”.

Il pivot rivela di aver preso questa decisione dopo le bombe di Boston, la città della squadra in cui ha giocato anni fa (Boston Celtics): “Ho speso troppe energie per tenere coperto un segreto così grande. Ho passato anni difficilissimi e ora che ho reso noto la mia sessualità per la prima volta mi sento di vivere pienamente”. Collins gioca in Nba da 12 anni. Ai tempi dell’università è stato collega, a Stanford, di Chelsea Clinton, la figlia di Bill e Hillary. “Conosco Jason da allora – commenta a caldo l’ex presidente – e oggi è un giorno importante per lo sport professionistico americano e per la storia della comunità gay”. Subito l’Amministrazione Obama ha voluto lodare il “coraggio” della stella del basket che ha rivelato di essere gay. “La Casa Bianca – ha detto il portavoce Jay Carney – vede questo come un altro esempio dei progressi e della evoluzione del Paese. Collins ha coraggio e lo sosteniamo, così come speriamo faranno i suoi fans e il suo team”.

I più maliziosi si interrogano sulle ragioni che possono aver spinto Collins a fare coming out proprio ora. Secondo quanto riportato da Bloomberg la Nike (per ragioni puramente commerciali) vorrebbe sponsorizzare uno sportivo professionista dichiaratamente gay. Che sia questa la ragione?

incorporato da Embedded Video


Tag: , , , ,