Pisapia (se crede) faccia come Re Baldovino

Il conflitto fra legge e morale ha riempito le biblioteche fin dall’antichità. La separazione fra la sfera del lecito e la sfera del giusto è un pilastro della laicità che fonda le istituzioni democratiche moderne, figlie (legittime) della cristianissima separazione fra Dio e Cesare. Dopo questa premessa generalissima ed enfatica la domanda: perché Giuliano Pisapia non si dimette? No, non ci stiamo riferendo alle tasse e alla sicurezza di cui si parla tanto, ma della intricatissima questione della trascrizione delle nozze gay contratte all’estero. Il prefetto, su mandato del ministro, ha ordinato al primo cittadino di cancellare le trascrizioni dei […]

  

In due settimane 4 furti. E l’assessore Ncd se la prende con Renzi

Quattro furti in due settimane ai danni della sua auto. Nel mirino ci è finito un assessore provinciale e consigliere di zona 9, Marzio Ferrario. Due anni fa Ferrario era già stato testimone delle condizioni di (in)sicurezza delle strade di Milano, quando nelle vicinanze di viale Zara aveva assistito a un omicidio, per strada, e aveva avuto i riflessi pronti, per aiutare gli inquirenti si era messo a filmare la terribile scena dell’aggressione ai danni di un giovane filippino che fu ucciso a botte da tre connazionali nell’ambito di un regolamento di conti. “Esiste un reale problema di sicurezza a Milano […]

  

Cosa c’è oltre la piazza? Girotondo sul Carroccio

Quarantamila o 100mila a questo punto conta poco: la Lega ha riempito piazza Duomo e quando si riempie la piazza la contabilità finisce e inizia la politica: cosa vuol fare il Carroccio? Un pilastro del centrodestra italiano che si allea con gli altri per governare il Paese oppure una sorta di “grillismo di destra” che dice no (o peggio) a tutto? E gli alleati, o ex o presunti tali, come vedono questo passaggio? Ci rispondono quattro consiglieri di zona milanesi. Il primo è Vincenzo Viola, capogruppo in zona 3 di Fratelli d’Italia-An, un partito che viene considerato “concorrente” della Lega sui temi dell’euro […]

  

La sinistra milanese si dimentica Riccardo Lombardi

In un florilegio di commemorazioni e ricordi, il Comune di Milano sembra essersi dimenticato di un personaggio non da poco: il primo prefetto della città nel dopoguerra, Riccardo Lombardi, morto 30 anni fa esatti. Una dimenticanza non banale e non casuale. Rilevata dall’ex assessore Roberto Caputo, oggi voce critica del Pd, di cui è stato vicecapogruppo provinciale. Orfano del padre, morto in Sicilia quando lui aveva solo 3 anni, Lombardi era nato a Regalbuto e aveva origini toscane. Ma a Milano lasciò il segno. Studiò al Politecnico di Milano, dove si laureò in ingegneria industriale, partecipò alla difesa del giornale “Avanti!”. […]

  

Consiglio dei ragazzi, Milano capofila. Ma i consigli di zona?

Si terrà il 13 ottobre a Palazzo Reale il Convegno “Gli adulti garanti dei processi di partecipazione dei ragazzi“. Forse non tutti sanno che Milano è la prima grande città che ha sviluppato un sistema organico e completo di Consiglio dei Ragazzi. Il consiglio è uno strumento per promuovere e vivere la partecipazione dei bambini e dei ragazzi nei territori locali. In pratica: “Sono il luogo – spiega l’assessore all’Istruzione Francesco Cappelli – dove iniziano a emergere le risposte alle richieste che arrivano dalla città e dove possono nascere proposte concrete che possono aiutarci a migliorare Milano in modo che anche i bambini […]

  

Zona 2, la sinistra boccia il restyling delle aree cani

Cari lettori, ci troviamo a raccontarvi un’altra, l’ennesima storia di degrado e di abbandono delle nostre periferie. A segnalarla Angela Ronchini Presidente dell’Associazione Articolo 51 che denuncia la decisione della maggioranza del consiglio di zona 2 di bocciare la richiesta di riqualificare le aree cani di piazza Carbonari.  “Malgrado il forte impegno profuso dal consigliere di zona 2 Samuele Piscina della Lega affinché venissero riqualificate le aree cani, la maggioranza (PD e SEL) ha optato per negare il ripristino del decoro urbano,e la sanità pubblica definendolo un argomento non prioritario e adducendo ad alcune non ben definite altre priorità”. Secondo […]

  

Io finanzierò il Leoncavallo

Non mi sono fissato con le tasse. Solo un po’, lo ammetto, ma non è solo una questione ideologica. E’ che si pagano bollettini, tariffe e rette. Si dà un’occhiata ai conti. E si verifica che il peso del Comune di Milano è enormemente aumentato per noi poveri contribuenti. Ripetiamo fino all’ossessione la cifra – mai smentita – secondo la quale i tributi pagati a Palazzo Marino stanno raggiungendo nel 2014 la cifra record di 1,3 miliardi di euro, con un aumento di oltre 700 milioni rispetto all’era pre-Pisapia, e senza considerare il pur considerevole rincaro degli abbonamenti Atm. Ci […]

  

La ciclabile di viale Tunisia crolla sulle auto

La ciclabile più contestata di Milano ha fato danno. Ieri sera in viale Tunisia complice il vento forte – forse urtate da qualcuno – sono crollate a terra 40 metri di transenne, urtando e danneggiando due auto. Il traffico, privati e dei mezzi pubblici di superficie, è rimasto bloccato per circa 40 minuti. E si tratta della pista che ha creato divisioni, proteste e scontri, dal Consiglio di zona 3 al Comune. “Io ho fatto i complimenti al sindaco quando intervenne in piazza Firenze a soccorrere un ciclista – dice Massimiliano Rositano – che è consigliere di zona Udc ma […]

  

Elezioni del Consiglio metropolitano: ecco la firma

Il sindaco Giuliano Pisapia ha firmato il decreto di convocazione delle elezioni del Consiglio della Città metropolitana di Milano.   Il Consiglio metropolitano, che sarà composto da 24 consiglieri, si sarà eletto – come anticipato dal Giornale – il 28 settembre 2014 dalle ore 8 alle ore 20. Il Comune dà notizia così del provvedimento: L’elezione avviene sulla base di liste concorrenti composte da un numero di candidati non inferiore alla metà dei consiglieri da eleggere e sottoscritte da almeno il 5% degli aventi diritto al voto. Le liste dovranno essere presentate presso l’Ufficio elettorale della Provincia di Milano il […]

  

I piccoli partiti arrabbiatissimi con Pisapia

Si anima lo scontro sul voto per la città metropolitana, fissato dal sindaco di Milano Giuliano Pisapia al 28 settembre. La data stessa rappresenta un motivo di contestazione e anche un indizio di possibili scenari. La contestazione: i piccoli partiti ieri si sono scagliati contro Pisapia, per una questione di metodo in effetti non infondata: Pisapia ha comunicato la data del voto, il 28 settembre, nel corso di un’assemblea di sindaci del Pd. Subito sugli scudi i Radicali, che sul tema delle regole elettorali sono tradizionalmente attentissimi: “Non è un bel segnale del sindaco di Milano in occasione di una riunione […]

  

il blog di Alberto Giannoni © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>