Dopo cinque secoli torna una presenza ebraica in Sicilia

Dopo oltre 500 anni, tornano gli ebrei in Sicilia. Non solo presenze individuali, tracce di una storia antichissima e importante. No, non solo. Dopo oltre 5 secoli, torna una una presenza istituzionale, comunitaria, a partire dalla figura del rabbino. Rav Gilberto Ventura ne ha parlato ieri alla “Sicilia”: “Sono stato invitato ad assumere l’incarico di rabbino capo della città di Catania a nome della Comunità ebraica locale e di tutti coloro, discendenti e non, che hanno il desiderio di saperne di più sull’ebraismo, sia in termini di conversione (ritorno), sia semplicemente per apprendere e arricchire la propria cultura storica e […]

  

Moschee e affari, le ombre del Qatar sull’Europa

Gli affari, i giganteschi investimenti immobiliari, il sostegno alle organizzazioni «culturali» islamiche, il finanziamento alle moschee. L’Europa è già stata invasa dal Qatar. Non si tratta solo dello shopping stellare nel «real estate» fra hotel di lusso, grandi marchi e complessi da sogno nelle maggiori città italiane. Per subalternità ideologica o per convenienza, negli ultimi due decenni l’Europa ha subito una colonizzazione strisciante dell’Emirato, che ha dimensioni paragonabili all’Abruzzo ma vanta mezzi finanziari smisurati ed esporta un islamismo che ha l’ambizione di essere egemone, anche in Italia. Da Saronno a Mazara del Vallo, un flusso ingente e capillare di denaro […]

  

ll consolato iraniano: “Masha Amini? Una scomparsa sfortunata”

Una scomparsa «sfortunata». Così il Consolato dell’Iran ha definito la morte di Mahsa Amini, la giovane che è stata arrestata per non aver indossato correttamente il velo, e poi condotta in coma nell’ospedale in cui è morta. La storia di Masha, molti ormai la conoscono. E’ proprio da quel caso, da quella terribile vicenda che sono nate le proteste del popolo iraniano, sfociate in manifestazioni e altre clamorose iniziative. Nonostante i rischi a cui si espongono, le donne iraniane – e anche gli uomini – hanno cominciato a scendere in piazza, bruciando i velo, cantando, tagliandosi i capelli per protesta. […]

  

Masha Amini e l’ultimo abbaglio delle femministe

Come si può fare finta di niente? E che significato ha l’indifferenza? La protesta delle donne e dei giovani sta infiammando l’Iran, un Paese finora oppresso da un regime teocratico islamista, totalitario e potenzialmente genocida (le minacce rivolte a Israele e agli ebrei non si fermano). Le manifestazioni anti-regime sono partite, anzi ri-partite, dopo la tragica fine di Masha Amini, la 22enne arrestata dalla polizia di Teheran (perché non portava il velo in modo «appropriato») e morta in ospedale dov’era arrivata in coma per le percosse subite in caserma. Da Teheran, le proteste si stanno allargando ad altre città dell’Iran, […]

  

“A Basilea ho fondato lo Stato ebraico”

“A Basilea ho fondato lo Stato ebraico. Forse tra cinque o, al più tardi, cinquant’anni ognuno se ne renderà conto”. Il 30 agosto 1897 si riuniva a Basilea il primo congresso mondiale sionista, voluto e organizzato dal visionario Theodor Herzl. 51 anni dopo è nato lo stato di Israele. Dal 1950, il padre del sionismo riposa a Gerusalemme, su una collina chiamata Monte Herzl. Alla sua tomba, nel 2014, ha reso omaggio nella sua ultima visita anche Papa Francesco. A 125 anni di distanza, lo stato di Israele è un miracoloso modello di democrazia, modernità, innovazione e vita, a dispetto […]

  

“Non portate la kippah”. Milano si arrende alla paura

«Non portate la kippah». Meglio non indossarla, o almeno nasconderla sotto un cappello. È la Comunità ebraica, in fondo, che lo consiglia per ragioni di sicurezza e incolumità. Una «regola non scritta», una raccomandazione da far valere praticamente in tutta la città, salvo quel fazzoletto di strade che oggi viene considerato il quartiere ebraico. Impensabile attraversare certe vie, basti pensare a San Siro o via Padova, ma mostrare il tradizionale copricapo ebraico è sconsigliato in generale. «Per un ebreo è importante avere il capo coperto. Va bene anche un cappello: è un segno di umiltà, è vero però che la […]

  

«Contro il terrorismo e per Israele». Ma Pd e 5 Stelle non votano

Non partecipare al voto di una mozione pro Israele e contro il terrorismo. È riuscita a fare perfino questo la sinistra lombarda, di nuovo indistinguibile dai «soliti» 5 Stelle. Ci è riuscita ieri, in Consiglio regionale, ma la mozione del leghista Gianmarco Senna (nella foto), grande amico di Israele e della Comunità ebraica, è passata comunque e ora impegna la giunta ad attivarsi verso Roma su diversi obiettivi, tutti importanti. Primo: chiedere che il governo dia esecuzione agli impegni assunti con l’adozione della definizione operativa di antisemitismo dell’Ihra (una definizione ampia cui il mondo ebraico tiene molto, giustamente). Altro obiettivo […]

  

L’equazione oscena di Di Battista

Alessandro Di Battista ha avuto l’onore, ieri, di essere citato da Al Jazeera, che con tanto di foto ha riportato compiaciuta un “ragionamento” dell’ex deputato dei 5 Stelle, campione dell’ala movimentista e terzomondista (e chissà cos’altro) dei grillini, adesso in rotta con Luigi Di Maio e il resto del Movimento, divenuto nel frattempo governativo e governista. Il “Dibba”, solo pochi giorni prima dell’inizio della guerra aveva escluso risolutamente un attacco russo. La previsione è durata poche ore ed è valsa un discreto imbarazzo, non a lui, però, visto che continua imperterrito a elargire previsioni e valutazioni le più disinvolte, per […]

  

“Non tutte regolari”

“Si presume che i luoghi di preghiera siano circa 25, non tutti regolari”. Così oggi, su Repubblica, si descrive le situazione dei luoghi di culto islamico a Milano. “Non tutte regolari” dice il pezzo, comparso nelle pagine di cronaca e intitolato “La comunità islamica punta al bando del Comune per avere due nuove moschee: “Servono più luoghi di culto”. “Milano non ha ancora un edificio con cupola e minareto e oggi  si prega in 25 sedi, non tutte regolari”, questo si legge già nel “catenaccio”. Non tutte. E poi, ancora nel pezzo, il concetto è ripetuto ed esplicato: “A Milano non […]

  

In arrivo la moschea di Firenze, sì in commissione

Palazzo Vecchio fa posto a una moschea. In Comune è arrivato un altro sì importante. Quello della commissione Territorio, urbanistica, infrastrutture e patrimonio del Consiglio. La commissione, presieduta da Renzo Pampaloni, ha approvato la mozione presentata dai consiglieri del Pd – sottoscritta anche dal capogruppo del Movimento 5 Stelle De Blasi – per riconfermare la disponibilità dell’Amministrazione comunale a valutare le proposte della Comunità islamica fiorentina per individuare un luogo adeguato alla realizzazione di una moschea. ”La realizzazione di un luogo di culto – spiega il presidente della Commissione Renzo Pampaloni – deve essere sempre vista come un’opportunità per la città. […]

  

il blog di Alberto Giannoni © 2023
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>