I due motivi della crisi del centrosinistra

  Il mancato successo della sinistra nella tornata elettorale conclusasi ieri è riassumibile in due punti, profondamente intrecciati tra loro. Punti che decretano, oltretutto, rischi presenti anche a livello nazionale, solo parzialmente mitigati dalle difficoltà del centrodestra nel trovare una leadership chiara e un programma condiviso. Ma vediamoli assieme. 1) lo scivolamento verso il centro. Un percorso figlio di decenni e decenni, di cui Renzi e il renzismo rappresentano solamente l’ultimo passo. Una rincorsa al centro e all’elettorato moderato che tra fanfare e storytelling inflazionato ha fatto perdere di vista tutte le persone che negli ultimi mesi si sono allontanate […]

  

La sinistra ora lancia accuse di assistenzialismo. Da che pulpito viene la predica!

Dopo l’uscita di Papa Francesco a favore del lavoro e contro il reddito di cittadinanza (questione eminentemente teologica, ndr) non sono mancati gli elogi da parte del mondo democratico e il continuo attacco, da parte di molti ambienti di centrosinistra, alla proposta avanzata dal Movimento 5 Stelle. Quest’ultima, nonché le presunte coperture volte a renderla possibile, sono certamente da prendere con le pinze. Una idea che in ultima istanza appare di difficile applicazione in un paese, l’Italia, che col deficit non ha un buon rapporto e che rischierebbe con ogni probabilità di non potersela permettere. Tutt’altro valore invece hanno le resistenze morali, o […]

  

Feticismo costituzionale, il mito fondante di una sinistra conservatrice

Il paradosso della sinistra italiana è quella di essere la formazione nata dal più grande partito comunista dell’occidente pur avendo promosso una ispirazione politica sempre più capace di accettare e promuovere le architetture di governo formatesi nell’Italia di oggi. Già negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale, come ben testimoniato da Giovanni Gozzini e Renzo Martinelli nella loro “Storia del Partito Comunista Italiano”, gli uomini di Togliatti sono tra quelli che più di tutti, nei loro interventi alla Camera, promuovono rimandi al patto costituzionale, visto non come una base di partenza per future rivendicazioni, bensì come una sorta di carta […]

  

La divisione non è più tra destra e sinistra, ma tra favorevoli e contrari alla globalizzazione

Con il crescere dei movimenti simili al Front National si nota la progressiva divisione del fronte politico in uno schieramento nuovo, ovvero tra chi è sostanzialmente favorevole alla globalizzazione e all’attuale status politico, economico e sociale e chi vi si oppone. Quello è l’orizzonte delle alleanze e dei futuri schemi. Ed è pure probabile che l’ascesa dei partiti “populisti” ed euroscettici favorisca ulteriori convergenze centriste. L’ultimo segnale è l’odierna uscita di Franceschini, che propone a Silvio Berlusconi di cambiare le regole del voto assieme al PD. Il “Fronte Repubblicano” visto all’opera negli ultimi anni in Francia è un fenomeno passibile […]

  

Ecco “Radical Chic”, il libro contro il pensiero unico politicamente corretto

Si chiama Radical Chic ed è il nuovo libro de La Via Culturale. Edito dalla casa editrice La Vela, è il libro ideale per capire il vero retroterra politico e culturale del pensiero unico politicamente corretto. Dall’istruzione all’economia, dalla storia all’attualità, dalla geopolitica alla cultura vengono sfatati tutti i miti pro-global ai quali siamo quotidianamente esposti e le loro pretestuose retoriche, sempre più incapaci di nascondere il distacco tra l’alto e il basso della nostra società, tra chi con il cosmopolitismo imperativo per tutti ci guadagna e chi, ogni giorno, perde diritti, spazi democratici e possibilità di emancipazione a casa […]

  

La sinistra che combatte il populismo è la prima causa della sua esistenza

I principali protagonisti del centrosinistra europeo, non ultimo Matteo Renzi, sono impegnati in questi giorni in svariati tour elettorali per rilanciare la loro offerta politica, mettendo al primo posto la lotta ai cosiddetti fronti “populisti”, che in questi mesi stanno vivendo una poderosa crescita in tutto l’Occidente. Già potremmo chiederci se sia meritevole ricondurre il consenso ad una offerta politica solamente contrapponendola a quella di altri, in una abitudine a sorvolare sulle cause degli scenari politici ormai comune a tutto il panorama della sinistra liberaldemocratica, che sulla corsa a combattere il sempre nuovo, nerissimo e terribile pericolo per la “democrazia” trova spesso la propria […]

  

Se la semplicità di Trump lascia al palo l’arroganza liberal

  “Putin? Lei crede che il nostro paese sia così innocente?” Una ammissione onesta, sincera, pure aspettata e francamente apprezzabile quella che Donald Trump, in una intervista a Fox News, ha rivelato agli ascoltatori. Una frase che fa da contorno ad una elezione presidenziale capace di rompere con gli antichi schemi, con quell’idea di mondo imbellettato e in continuo progresso, impostato sui canoni liberal di qualche democratico newyorkese, di qualche ONG o fondazione, sui sorrisi tirati di Hillary Clinton, su quel puzzo di progressismo radical respirabile ad ogni convention elettorale di partito, con la pretesa di incarnare sempre la parte giusta di un paese, le […]

  

In difesa di Giovanni Lindo Ferretti

La partecipazione di Giovanni Lindo Ferretti alla kermesse di Atreju 2015 ha scatenato un vespaio di polemiche, attorno ad un artista che già da tempo fa storcere il naso alla sinistra ufficiale italiana per alcune sue posizioni non più ligie ai canoni del pensiero unico de sinistra, Dal suo dichiararsi cattolico alle preferenze elettorali verso il centrodestra fino al discorso di ieri, in cui il cantautore emiliano ha dichiarato senza problemi che è doveroso aiutare prima gli italiani rispetto agli immigrati. Apriti cielo. In poco tempo uno dei musicisti più brillanti del panorama musicale nazionale del secondo dopoguerra viene travolto di critiche, esecrato, scaraventato […]

  

Lega Nord, 4 punti per arrivare al governo

La crescita nei sondaggi c’è, pure se non ai livelli di qualche mese fa. I buoni risultati alle regionali possono permettere di guardare al futuro con ottimismo, il ritrovato ruolo di un leader carismatico fa pensare a prospettive di continua crescita e oggi la Lega Nord può potenzialmente proporsi come primo partito d’opposizione a Renzi, nonché al suo PD in versione Piazza del Gesù. Il Carroccio tuttavia porta con sé delle tare e delle problematiche ereditate dal passato, da quando il corso nazionale del partito era una idea lontanissima, e oltre i confini padani i consensi scarseggiavano ben più di oggi. Per costruire […]

  

La demonizzazione di Salvini che fa gli interessi della Lega

Tra comizi, agitazioni e ospitate in tv, continua la crescita di consensi da parte di Matteo Salvini. Una crescita accompagnata spesso dal timore e dall’incapacità, da parte dei principali rivali, di comprendere il motivo di un consenso basato soprattutto su temi lasciati liberi dalle altre formazioni politiche. Non si tratta solo dell’euroscetticismo, di cui il Carroccio è diventato ormai il principale esponente, ma anche del problema dell’immigrazione clandestina, dei campi rom, della sicurezza e dei rapporti con il resto del mondo. Soprattutto per quanto riguarda il tema dell’immigrazione clandestina e della dislocazione sul territorio nazionale dei profughi, la Lega Nord […]

  

Il blog di Alessandro Catto © 2022
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>