L’inciampo nella memoria

Nel Giorno della memoria, ho visitato le cinque pietre d’inciampo della mia città. Davanti alle case in cui abitavano, ho letto i nomi di persone vere, deportate mentre molti italiani denunciavano, subentravano nei loro appartamenti, nei loro posti di lavoro, nelle loro cattedre. Oppure tacevano. Eseguivano disposizioni arrivate dall’alto. “Tutta Italia tiene famiglia” dice il protagonista del Giardino dei Finzi Contini. Queste persone non erano testimoni della shoah. Lo sono diventati loro malgrado, dopo aver subito sulla loro pelle l’orrore nazista. E in questo che ha sbagliato – probabilmente in buona fede – il sindaco di Milano Beppe Sala, quando […]

  

Corrispondenze antisemite

“Se dico che non sopporto quei tre giornalisti sono antisemita?” chiede un tale, commentando un articolo di questo blog. Direi proprio di sì è la risposta. Anche se forse non lo sa o lo nega. Probabilmente sì, è la risposta, anche perché i nomi indicati dal lettore in quel commento sono gli stessi che si possono ritrovare, purtroppo, anche in quelle deliranti liste di “ebrei influenti” che circolano spesso, come spazzatura, in rete. L’ultima volta in cui si è parlato di questa lista è stato quando sono state pubblicate fra i commenti a un post di Manlio Di Stefano, il responsabile […]

  

il blog di Alberto Giannoni © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>