I furbetti del botteghino

quo

Piano e adagio. I dati, positivi, sull’andamento della stagione cinematografica 2016 italiana non devono trarre in inganno. Certo, la matematica non è un’opinione e davanti a un +6,06% per le presenze e a un +3,86% negli incassi, rispetto al 2015, sembrerebbe di voler fare, a tutti i costi, il bastian contrario nel voler giudicare negativamente queste variazioni percentuali. Però, bisogna andare oltre le apparenze, leggere attentamente questi segni positivi per capire se rappresentino realmente tutto il movimento del grande schermo, oppure no. Propenderei per questa ultima opzione, come ho scritto oggi su il Giornale, nel mio commento che ora condivido […]

  

Ma siamo in Italia?

founder

Dunque, questa settimana escono quattro film i cui titoli sono: The Founder, Silence, Magic Island, Allied. Il prossimo giovedì, invece, Arrival farà parte della programmazione nelle sale. E poi, a poca distanza, Fallen, La La Land, Split, A United Kingdom, Sleepless, The Ring, Incarnate, Absolutely Fabulous: The Movie, Manchester by the Sea, Resident Evil: The Final Chapter, Moonlight, The Great Wall, Planetarium, Trainspotting, Kong: Skull Island. Ancora oggi, nei cinema, potete trovare, invece, Assassin’s Creed, Collateral Beauty, Sing, Passengers, Lion, The Birth of a Nation, Aquarius, Rogue One: A Star Wars Story. Domanda ingenua rivolta ai nostri illuminati distributori: ma […]

  

Il silenzio di Dio e di Hollywood

silence

Uscirà domani, nelle sale italiane, Silence, il film, diretto da Martin Scorsese, che tratta vari temi religiosi cristiani. Il più interessante è quello legato al (presunto) silenzio di Dio. Quante volte, da credenti, ci siamo chiesti, davanti al male che imperversa, alle persecuzioni di tanti cristiani, alle morti quotidiane che ormai non fanno più notizia, “Lui dov’è?” Rientra un po’ nell’idea giustizialista di questo Dio supereroe che dall’alto castighi, a richiesta, i cattivi, senza pietà. Dimenticandoci del libero arbitrio, dono prezioso affidato ad ognuno di noi. Però, è chiaro che certe volte il silenzio sia più rumoroso e assordante di […]

  

Quei beffardi dieci centesimi in più

the-end1

Anno nuovo, vita vecchia. Almeno, nelle sale cinematografiche. Ieri, sono andato al cinema per recuperare il film di Siani, che non avevo ancora visto, in modo da poterlo inserire nella pagina delle recensioni. Costo del biglietto? 10,10 euro. Ho chiesto alla signora della cassa: “Ma è in 3D?”. Lei, quasi ingenuamente, mi ha risposto, sorpresa dalla mia domanda: “No, è normale”. Le ho spiegato che 10,10 euro per un film non mi sembrava tanto normale, ma era come parlare con un risponditore automatico: “No, Si, Grazie di averci chiamato”. Io mi domando: ma qualche esercente (non tutti, per fortuna) ha […]

  

Il blog di Maurizio Acerbi © 2018