Distrutta (ma subito rialzata) la targa col nome di Rabin

Con un gesto inqualificabile è stata distrutta a Milano la targa dedicata a Yitzhak Rabin, posta nei giardini che allo statista israeliano e premio Nobel per la pace sono stati dedicati in piazzale Tripoli. Il blitz vandalico è stato condotto nella notte fra sabato e ieri, da ignoti. Ieri pomeriggio l’episodio è stato denunciato e duramente condannato in primo luogo da due esponenti del Pd, la capogruppo in commissione Esteri Lia Quartapelle e l’assessore Pierfrancesco Maran. Quartapelle ha parlato di “vigliacchi”, Maran di “fascisti”, e lo ha fatto incoraggiato forse dalla parata dell’estrema destra al cimitero Maggiore. Al momento, tuttavia, non […]

  

Ricordare tutti Ramelli, senza se e senza ma

Sergio Ramelli è stato la vittima innocente di un folle odio politico. E per questo merita di essere ricordato. Un’ovvieta? Purtroppo non è così. È appena passato il giorno del quarantesimo anniversario dalla sua morte ed e triste verificare che nel 2105 in questo Paese, nella sua “capitale morale”, anche i concetti più evidenti devono essere ripetuti, riaffermati, ogni volta, contro una stupidità dilagante. Sergio Ramelli era un ragazzo di destra con i capelli lunghi. Un ragazzo. Aveva 18 anni quando un commando di militanti della sinistra extraparlamentare gli tese un agguato a colpi di chiave inglese. Ramelli morì dopo 40 giorni […]

  

il blog di Alberto Giannoni © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>