Mandiamo a casa Poletti.

Cari amici, perché in questi ultimi giorni di fine anno non tentiamo una iniziativa collettiva? Perché non scriviamo al Ministro Poletti indirizzando un appello collettivo con poche, chiare e dirette riflessioni invitandolo a rassegnare le dimissioni? Certo, molti di voi potranno sostenere che sarebbe stata cosa buona e giusta compiere un simile gesto anche quando era insediato al governo il centro destra e scempiaggini non mancarono nemmeno allora, oppure imperversavano tecnici bocconiani dalla lacrimuccia facile e che danni seri al Paese pur fecero. Ma la questione ora è differente. Qui si mette in gioco la dignità umana legata al lavoro. […]

  

In Francia torna il Re

Manuel Valls chiede per la seconda volta l’uso dell’articolo 49 comma 3 della costituzione che consente all’esecutivo di imporre il passaggio di una proposta di legge; nel caso specifico si tratta della riforma del lavoro osteggiata da gran parte dei cittadini francesi. Se entro 24 ore non si presenta una mozione di sfiducia sarà approvata in modo definitivo. Ora, è del tutto evidente che abbiamo piena consapevolezza della liceità di tale forzatura politica. Grosso modo si tratta di un gesto eclatante ma che rientra nella piena legalità. Eppure, il punto è un altro. Le insofferenze verso le scelte o le opinioni […]

  

Il blog di Luigi Iannone © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>