Stamina, ecco cosa non torna

Abbiamo appreso in questi giorni che gli imputati del caso Stamina, al momento sei su 13, patteggeranno in cambio di uno sconto di pena. Nel caso di Davide Vannoni, che rischia più di tutti gli altri, il rito abbreviato comporterà una pena “al di sotto dei due anni”. Se pm e giudice saranno d’accordo, l’inchiesta, per chi patteggia, si concluderà il 3 febbraio. Per gli altri si andrà a processo. Al momento pare che intendano rinunciare al patteggiamento Gianfranco Merizzi, patron di Medestea e Marino Andolina, vicepresidente di Stamina. Ma le carte si potrebbero sparigliare ancora nelle prossime ore. Per […]

  

Quando gli scienziati dicono bugie: le staminali possono diventare neuroni

In luglio, sul quotidiano la Stampa la senatrice a vita, Elena Cattaneo dichiarava che “ad oggi non è possibile trasformare le staminali mesenchimali – che possono dare origine a tessuto osseo, cartilagineo o adiposo – in neuroni”. La Cattaneo è stata chiamata in Parlamento per dirimere le questioni di scienza. E quando è stata interpellata sul metodo Stamina si è sempre lasciata andare a dichiarazioni pesanti, come: “Non è un metodo”. O: “Quello che è successo in un ospedale pubblico è una vergogna per l’Italia”. (Per la cronaca, nell’ospedale pubblico sono stati trattati 36 pazienti gravi, nessuno di loro è […]

  

Stamina, la rabbia e la cura, lettera al ministro Lorenzin

20130704-222031.jpg

Cara ministro Lorenzin, l’argomento Stamina tocca questioni che ci stanno a cuore: le aspettative di chi soffre, la dignità della vita, la scienza e l’etica. La coinvolgiamo nelle nostre riflessioni poiché lei ha iniziato il suo incarico accettando di sperimentare il metodo Vannoni. Per mestiere e per vocazione amiamo la chiarezza. Lo scopo di una sperimentazione scientifica è quello di mostrare al mondo se una terapia risponde alle aspettative oppure no. O se lo fa soltanto in parte. Da ministro del bene più prezioso, lei, si è impegnata con i sofferenti. Ha rassicurato le famiglie, ha incontrato le autorità, ha […]

  

Il Blog di Gioia Locati © 2019