Probabilmente cancerogeno

Ci sono anche i genitori di Jake, 12 anni, affetto da linfoma, fra i querelanti della Monsanto, l’azienda produttrice di pesticidi acquisita dalla Bayer un anno fa. Negli ultimi mesi, in California, quattro malati di linfoma non Hodgking hanno chiesto e ottenuto risarcimenti milionari. In tutti gli Stati americani si calcola che siano più di 11mila gli agricoltori che hanno fatto causa al colosso tedesco per danni alla salute. Qui. Ma lui, Jake Bellah, è il primo bambino a sperare nella giustizia di una corte americana. Già. Se è vero che non ci si rivolge a un giudice quando un […]

  

Quando si vuole pilotare una ricerca

20120921-112100.jpg

Ed eccoci: lo studio condotto dal ricercatore francese Gilles-Eric Seralini, che dimostra che il mais geneticamente modificato provoca il cancro, è subito contestato. Sissignori, è aspramente criticato, a parole ( eh vediamo quali,) , a poche ore dall’annuncio e senza che sia illustrato un lavoro che sostenga il contrario. Lo studioso Seralini ha condotto una ricerca – di nascosto e per due anni – sul mais transgenico Mon NK 603, prodotto dalla Monsanto. Piccola premessa: che bisogno c’è di un mais modificato? Perchè produrlo? Perchè resista a un erbicida, il Roundup, che altrimenti risulterebbe tossico! Abbiamo creato il mondo dell’assurdo…. […]

  

Siamo tutti cavie

La nostra vicina Francia è zeppa di coltivazioni Ogm.  Oggi  arriva uno studio-choc sugli effetti dannosi del mais Ogm: è pesantemente tossico, fino a diventare mortale per i roditori. La ricerca è frutto del lavoro dell’equipe di Gilles-Èric Sèralini dell’università di Caen, da anni in prima linea nella ricerca indipendente su Ogm e pesticidi e fiero oppositore dell’utilizzo in agricoltura di piante modificate geneticamente. I dati che saranno pubblicati dalla rivista Food and Chemical Toxicology e anticipati dalla stampa francese, sono contenuti nel libro di Sèralini “Tous cobayes!” (“Tutti cavie”, Flammarion ed.) che uscirà in Francia la settimana prossima, il 26 settembre. E che già promette di diventare […]

  

Il Blog di Gioia Locati © 2019