Renzi e Formigli

Talvolta i più miseri bisticci di cortile fra stampa e politica si rivelano megafoni del destino. Come nel caso della polemica fra Matteo Renzi e Corrado Formigli, che nella sua Concinnitas morale sembra annunciare l’inizio di una lotta intestina che potrebbe far piazza pulita di alcune infezioni. Se è antropologicamente impossibile provare simpatia per Renzi – che incarna la grossolanità cretina dell’arrivismo morboso – poche figure appaiono odiose come quella di Formigli, paradigmatico esempio di chi simula il bene per poter fare impunemente del male. In questa specifica vicenda, il conduttore ha ovviamente ragione: una cosa è mostrare i feudi […]

  

Società dell’imbecillità

Abbiamo osservato per tanti mesi e con crescente imbarazzo l’ammaestramento della propaganda sinistra nei confronti delle bertucce progressiste. Per tante volte abbiamo rimarcato come alla base del cataclisma intellettuale in atto vi sia innanzitutto una generale assenza di consonanza cognitiva. Abbiamo poi sottolineato in numerose circostanze come il condizionamento ideologico mass-mediatico si sia servito della finestra di Overton per rendere progressivamente popolari idee poco prima inconcepibili, come l’utero in affitto o un governo Pd-5Stelle. Tuttavia, benché avvezzi a tutto ciò, ci troviamo innanzi un genere di divulgazione che si spinge oltre e che ritengo apertamente sperimentale e potenzialmente distopica. La […]

  

Camilleri e Ceronetti

Guardo la mia luce che muore… è l’unica risposta che un saggio vi darà in età molto avanzata quando gli domanderete testimonianza. Nel giro di pochi mesi sono mancati Guido Ceronetti, a 91 anni, e Andrea Camilleri, a 93. Ebbene, alla pressoché totale indifferenza che ha accompagnato il viaggio del primo, si è registrata una straripante esibizione pubblica di cordoglio a scortare il secondo, investito di aura cristologica e chiamato perlopiù Maestro. Sorvolando sugli aspetti più intimi dell’uomo, che non conoscevo e che mi impongo di non inferire dalle oppugnabili prese di posizione politiche, la distanza intellettuale che separava Ceronetti […]

  

Bibbiano e quel sinistro silenzio stampa

Di Bibbiano non si parla. Chi lo fa è accusato dai media che non ne parlano di essere uno “sciacallo”; di usare le piccole vittime a fini politici. Anche nell’epoca della post-verità, solo i quasi pensanti delle puntate precedenti potrebbero deglutire tale “appercezione”. In questo blog non ne ho parlato, perché se mostro in genere nervi distesi, quando si tratta di minori divento piuttosto sensibile. Suscettibilità puerile, che non colpisce certo chi da sempre parla di innocenti brutalizzati con eroica veemenza e senza arrendevolezze. Magari ricordando la Shoah dei bambini, ancora e ancora e ancora. Per non dimenticare. Ancora e […]

  

Il malocchio dei capitali esteri

L’inciampo sovranista, quasi patriottico, di Ferruccio de Bortoli sulle pagine del Corriere è stato sbrigativamente superato. Giovedì sera a Piazza Pulita, conversando con Claudio Borghi, de Bortoli è infatti tornato a farsi garbato amplificatore di istanze forestiere, aliene. Dopo aver paternalisticamente ricordato allo scriteriato leghista il ruolo da egli occupato, a mani giunte in segno di preghiera – «lei è presidente della commissione Bilancio della Camera, lei è il presidente della commissione Bilancio della Camera…» – ha esordito con un attacco rivelatore: «Se io sono…». La consecutio esclude incertezze e inizialmente pensiamo intenda riferirsi a quei giovani invisibili di cui […]

  

Lilli l’allusionista

Leggendo Wikipedia, che è strumento in parte comprensibile anche a un leghista, sotto Censura si apprende: «Il controllo e la limitazione della comunicazione da parte di un’autorità. Nella maggior parte dei casi si intende che tale controllo sia applicato nell’ambito della comunicazione pubblica, per esempio quella per mezzo della stampa o altri mezzi di comunicazione di massa; ma si può anche riferire al controllo dell’espressione dei singoli». Nel battibecco fra Matteo Salvini e Lilli Gruber dell’altra sera abbiamo registrato una minaccia di censura da parte dell’autorità. Il gerarca leghista? No. La conduttrice democratica. «Fermo lì! Ministro, non mi costringa a toglierle l’audio». Ma […]

  

Confindustriamente

«Roma, 22 mag. (askanews) – “Per le migrazioni la soluzione non è quella, impossibile, di chiudere le frontiere; lo ha detto fra gli applausi all’assemblea generale di Confindustria il presidente dell’associazione degli industriali, Francesco Boccia, in un chiaro riferimento alle politiche del governo gialloverde. “Di un’Europa forte e coesa abbiamo bisogno per gestire le sfide dell’immigrazione” ha detto Boccia ricordando che per la sua conformazione, l’Ue non sarebbe comunque in grado di chiudersi a riccio. “L’Europa ha 68mila chilometri di coste e l’Africa fra 30anni avrà 2,5 miliardi di abitanti. Davvero pensiamo che la soluzione sia chiudere le frontiere? Noi […]

  

Fatti la tua idea

«Un approfondimento sempre libero, indipendente, pluralista», scrive di sé il Corriere della Sera, sponsorizzando l’abbonamento alla propria edizione online (“A soli 3 euro al mese per 6 mesi, abbonati ora!”). Al fine di subornare le simpatie del lettore-consumatore, il Corriere usa l’amo delle imminenti elezioni europee, snodo gordiano delle future umane vicende. Lecito. Tuttavia la modalità è due volte ingannevole, in un viluppo di viscidume propagandistico e pubblicitario che va oltre la promozione di un canone, con una presentazione idonea a manipolare lettori ed elettori. Come sfondo si sceglie, “inattaccabilmente”, la bandiera dell’Europa. Poi però si legge:   Quale Europa […]

  

A tutte le redazioni…

… ripeto, a tutte le redazioni: scrivere e parlare di Siri, della tensione fra Stati Uniti e Russia sul Venezuela, del Caso Siri, del Primo Maggio, di Ayrton Senna, dell’infarto a Iker Casillas, di Armando Siri, di Calenda che cazzia la Donato, della gatta randagia che si avvicina a un dog sitter, del Concertone di Roma, del Caso Siri, del selfie di Papa Francesco con il sindacalista Aboubakar Soumahoro, del ricorso di Caster Semenya contro la regola che obbliga le atlete di diverso sviluppo sessuale ad assumere anticoncezionali per abbassare il testosterone, di veleni e sospetti sul caso Siri, del […]

  

Incitamento all’odio

Fredda cronaca della mia briosa matinée. Mi sveglio alle otto dopo aver sognato Capezzone. Afferro una brioscia confezionata di modesta pasticceria, barcollo fino al computer e la intingo nella bufagina di Gramellini: «Un video del Corriere mostra quei gentiluomini dei talebani mentre prendono a cinghiate alcune donne in burqa, colpevoli di aver ascoltato musica (A scanso di equivoci, non si trattava di un cd di Al Bano). Sullo sfondo del supplizio si intravede una scolaresca: forse era l’ora di educazione civica. Vabbè, è l’Afghanistan, in Europa un simile fanatismo sarebbe impensabile… A Koszalin, in Polonia, un gruppo di sacerdoti cattolici ha […]

  

Colpi bassi © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>