Sanremo val bene un tweet

Come ogni anno durante le serate del Festival di Sanremo si scatena uno spettacolo parallelo (e molto divertente per alcuni aspetti) su Twitter. Ancor prima di riuscire a formulare un proprio giudizio, partono commenti, battute, meme che raccolgono rilanci (retweet), cuori (il sistema di like della piattaforma) e sequenze di commenti più o meno esilaranti. Al «gioco» partecipano anche personaggi famosi (su tutti la fa da padrone da qualche anno Valerio Lundini) e i cantanti stessi, oltre alla proposizione fatta dai canali ufficiali della Rai (questi ultimi però non partecipano alla parte più esilarante). Fin qui, nulla di nuovo. Quello […]

  

Scommetto quindi sono

Secondo il rapporto sul gioco d’azzardo redatto da Nomisma nel 2020 il volume complessivo di gioco ha raggiunto gli 88,38 miliardi di euro. Il 12% degli incassi finisce – per legge – nelle casse dello Stato: si tratta di circa 10,5 miliardi di euro. Sempre secondo il rapporto sono i giochi di carte o abilità a costituire la principale fonte della raccolta da gioco (37,5 mrd), seguiti da newslot e vlt (18,97 mrd), scommesse a base sportiva/ippica (11,34 mrd), lotterie e gratta e vinci (8,17 mrd), lotto (6,41 mrd), scommesse virtuali e betting exchange (3,81 mrd), giochi numerici a totalizzatore […]

  

La statistica può divertire? Oh Yes!

Ha preso il via su Rai2 una interessantissima trasmissione (almeno per questo blog che tratta di numeri, segnali e rumori) che propone due temi apparentemente lontani come le statistiche dell’ISTAT e la comicità in tutte le sue forme (dall’ironia alla battuta) sull’onda dell’improvvisazione: mi riferisco a Data Comedy Show. Confesso un mio enorme conflitto di interessi (così poi non vale criticarmi a tal proposito): conosco gli autori e alcuni dei partecipanti, soprattutto per averli frequentati virtualmente durante le chiusure del lockdown. Tuttavia il valore della trasmissione l’avrei riconosciuto comunque: riuscire nell’intento di “giocare” con dei numeri ufficiali e certificati dalla […]

  

Quando un libro lo DEVI comperare

Chi ha dei figli in età scolare lo sa bene: con l’avvio dell’anno scolastico c’è una spesa ineludibile alla porta, ovvero quello dell’acquisto dei libri di testo scolastici. Si tratta di un mercato che fattura nel 2019 796 milioni di Euro (Fonte dati: Associazione Italiana Editori AIE), pari a circa un terzo del valore di tutto il mercato editoriale italiano. Sono quattro i player principali a dividersi il business in Italia: De Agostini, Mondadori, Pearson Italia e Zanichelli. Fin qui niente di nuovo: chiunque abbia memoria dei propri trascorsi sui banchi scolastici ricorderà bene che, già decenni fa, erano più […]

  

Fare figli per andare in pensione

Recentemente durante un’intervista Carlo Cottarelli ha espresso in modo molto chiaro un concetto che volenti o nolenti riguarda tutti noi. Si tratta del fatto che sebbene una persona possa aver versato i contributi necessari per andare in pensione, se non ha procreato, ovvero messo al mondo almeno un figlio, ma nel caso di una coppia almeno due figli, non ha reso un grande servizio al sistema per come è impostato. Perchè per poter pagare le pensioni di domani avremo bisogno dei contributi delle persone che lavoreranno quel dì. Il che non è banale. Soprattutto se lo mettiamo assieme al dato […]

  

Sondaggio umano est

La crisi del Governo punta i riflettori sui sondaggi che cercano di intuire al intenzioni di voto degli italiani. Chi lavora in questo settore sa (e se dice di non sapere… mente) che in agosto gli istituti di ricerca tendono a non effettuare interviste, tanto meno per sondare gli umori elettorali. E non ci vuole un genio per capire il perchè: in agosto l’Italia si “ferma” e va in vacanza. Chi lo fa fisicamente e chi solo mentalmente, ma tra caldo, turisti che invadono lo stivale e programmazione di eventi di vario tipo, l’italiano medio (sempre che esista questa figura […]

  

Le politiche per l’infanzia che non ti aspetti

Si fa spesso riferimento alla scarsa natalità quale indice di potenziale declino del nostro paese, in quanto, in prospettiva, non in grado di sostenere l’equilibrio necessario per compensare le nascite e le morti. In questi anni (e le previsioni da qui al 2050 sembrano seguire questo trend) il dato riguardante la popolazione residente subisce due influssi: il minor numero di nuovi nati, che dovrebbe far ridurre la base della popolazione residente, viene compensato dall’allungamento della vita media della popolazione residente e dai flussi migratori in entrata in Italia. I risultati sono molto evidenti: l’età media della popolazione italiana sta sensibilmente […]

  

Di Mai o DiBatti sta batosta

I giochi di parole non sono il mio forte, ma i risultati delle elezioni europee 2019 potrebbero essere riassunti così dalle parti dei pentastellati. È probabilmente la prima vera grande sconfitta elettorale che viene registrata dal movimento che fu concepito da Grillo/Casaleggio per scalzare la “vecchia” politica. E allora c’è da chiedersi se nel vertice del M5S può reggere la giustificazione dell’astensionismo al Sud (che non è “colpa” degli altri partiti) oppure si pensa seriamente al fallimento (temporaneo) del leader di questi mesi (dalle primarie interne in poi). In molti hanno visto il passo laterale di Di Battista come un […]

  

Lezioni di stile da Zuckerberg? No, grazie

La proprietà di whatsapp, che altro non è che il Mark Zuckerberg di Facebook, ha diffuso una mail a dir poco irritante su “Come usare WhatsApp in modo responsabile” con particolare riferimento alle Elezioni Europee. Si tratta di una sorta di decalogo che con uno stile paternalistico invita gli utenti a riflettere su quello che “trasmettono” ai propri contatti. Qualcuno ha voluto vedere in questa operazione una sensibilizzazione verso il fenomeno delle Fake News. Altri hanno ravvisato la totale inutilità di questo messaggio dato che i produttori di Fake News devono essere individuati e colpiti nell’inizio della diffusione e non […]

  

Il Paese della corruzione percepita

Secondo il più recente report di Transparency International l’Italia rimane saldamente nelle ultime posizioni europee nella classifica che mette in fila 180 paesi del mondo nel Corruption Perceptions Index. Si tratta di una rilevazione che tende a misurare tramite un’indagine che si ripete ogni anno e che intervista uomini d’affari ed esperti e che disegna una mappa mondiale molto interessante. L’Europa (vedi immagine) è il continente che si conferma quello con il punteggio migliore (più è alto il valore, più il paese o la regione è percepita come “sana” ovvero esente da corruzione) in modo stabile rispetto all’anno precedente. L’Italia […]

  

Il blog di Diego Martone © 2022
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>