Nozze gay e aborto, il Texas sfida la Corte suprema

Proposition 8 rally outside of the Supreme Courtu-s-senator-ted-cruz

Negli Stati Uniti è ormai guerra aperta tra il Texas e la Corte Suprema. La prima mossa dello stato conservatore del Sud è stata quella di bollare come “fuorilegge” la sentenza con cui la Corte ha autorizzato i matrimoni gay. Il procuratore generale del Texas, il repubblicano Ken Paxton, ha detto che i funzionari dello Stato texano potranno rifiutare i certificati di nozze sulla base delle proprie credenze religiose. Coloro che sceglieranno questa via (l’obiezione di coscienza) potranno essere multati ed eventualmente saranno trascinati in tribunale, ma il procuratore ha altresì aggiunto che “molti avvocati” sono disposti a difendere gratis i […]

  

Doppio bacio gay su Time

In attesa che la Corte Suprema decida, a giugno, se abolire o meno, e in che misura, il Defense of Marriage Act, la legge federale che definisce il matrimonio come unione tra un uomo e donna, negli Stati Uniti impazza il dibattito. Time va all’attacco sparando un titolone forte: “Le nozze gay hanno già vinto”. L’ultimo numero della rivista esce in edicola con due diverse immagini di copertina: in una un bacio tra due uomini, nell’altra il bacio tra due donne. Due foto (in bianco e nero) che ritraggono due coppie vere: nella prima Sarah Kate e Kristen Ellis Henderson, […]

  

Matrimonio gay alla Corte Suprema

I nove giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti affronteranno due casi che potrebbero cambiare la legge che vieta i matrimoni tra omosessuali. Si parte dalla causa “Hollingsworth v. Perry“, che mette in dubbio la costituzionalità del divieto dei matrimoni omosessuali in California, votato dagli elettori in un referendum del 2008 e conosciuto come “Proposition 8” (afferma che lo Stato riconosce come valido solo il matrimonio tra un uomo e una donna).  Seguirà un altro caso, “United States v. Windsor“, in cui a essere messo in discussione è il Defense of Marriage Act (Doma), la legge federale approvata nel 1996 […]

  

Senatore repubblicano cambia idea sui matrimoni gay

Tra i senatori repubblicani ce n’è uno che sta spingendo il presidente Obama ad andare avanti sull’apertura ai matrimoni fra gay. Si tratta di Rob Portman. Prima la pensava in modo diametralmente opposto, perfettamente in linea con il suo partito. Ora ha cambiato idea. Perché? Per motivi familiari. Suo figlio, infatti, gli ha confessato di essere omosessuale.  un quotidiano dell’Ohio Portman ha raccontato che nel 2011 il figlio annunciò a lui e alla moglie, Jane, il suo orientamento sessuale: “Mi ha permesso di pensare a questo tema in una prospettiva nuova, quella di un papà che vuole dare a suo […]

  

Il blog di Orlando Sacchelli © 2020