Taglialo ancora, Mario!

«Taglialo ancora, Mario!». Il tasso di interesse, ovviamente! Ieri la Banca centrale europea presieduta dal nostro connazionale ha deciso di dare una sforbiciata al tasso di rifinanziamento portandolo dallo 0,75 allo 0,5%. Lo scopo, ha spiegato, la Bce è quello di trasmettere meglio all’economia reale l’impulso derivante dalle immissioni di liquidità nel sistema da parte dell’Eurotower. Insomma, l’invito alle banche europee è il seguente: «Prendete i soldi a prestito da noi a Francoforte e concedete finanziamenti a famiglie e imprese, allentate i cordoni della borsa!». Un segnale di ottimismo e di buona volontà, ma la condizione che ha permesso di […]

  

Don’t worry, America!!!

«Confermiamo il nostro ottimismo sulle possibilità di crescità degli utili societari negli Stati Uniti». Joanna Shatney, capo dell’azionario Usa di Schroders, non si fa spaventare dalla budget sequestration, cioè dalla segregazione del bilancio federale. Dalla scorsa settimana, infatti, è stata avviata una serie automatica di tagli alla spesa pubblica visto il mancato raggiungimento di un accordo tra Democratici e Repubblicani sul budget. E così da 7 giorni sono partiti le prime decurtazioni dei capitoli di spesa che, senza un’intesa politica, totalizzeranno 85 miliardi di dollari entro fine 2013. Le prime voci da sforbiciare sono la difesa e il programma Medicare […]

  

2013. A year in the life (Volume 2)

«I saw a film today oh boy The English army had just won the war A crowd of people turned away But I just had to look Having read the book» «Ho visto un film oggi, ragazzi L’esercito inglese aveva appena vinto la guerra Una folla di persone si voltò dall’altra parte Ma io dovevo proprio guardare Perché avevo letto il libro» Questa strofa di A day in the life ce la spiega Rory Bateman, capo dell’azionario europeo di Schroders. Il suo outlook per il 2013, infatti, è tutto incentrato sulla possibilità delle Borse europee di darci rendimento sorprendenti l’anno […]

  

Election Day #4 – Obama balla sul ciglio del burrone

Che ci abbia o meno messo lo zampino anche l’uragano Sandy, Obama è riuscito a guadagnare altri quattro anni alla Casa Bianca malgrado un contesto economico per lo meno difficile. Nessun presidente americano da Roosevelt in poi era riuscito nell’impresa con tassi di disoccupazione così alti, una vera iattura per un Paese come gli Usa che basa la propria economia sui consumi delle famiglie.  Ma che cosa succederà in Borsa, dopo lo scossone di oggi? Con ogni probabilità il presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, continuerà a soffiare nel palloncino della ripresa immettendo denaro sul mercato a basso costo (il […]

  

Londra «sale» sul carro di Olimpia

Il Pil della Gran Bretagna nel terzo trimestre è cresciuto dell’1% rispetto ai tre mesxi precedenti ed è rimasto invariato su base annua scrivendo così la parola fine alla più tremenda recessione registrata nel secondo dopoguerra. Il risultato ha battuto le previsioni del mercato (+0,6% sul trimestre) ed è stato determinato dalla spinta propulsiva delle Olimpiadi sottoforma di flussi turistici e vendite di biglietti. L’economista di Schroders specializzato sull’Europa, Azad Zangana ha annunciato una revisione al rialzo delle stime del Pil britannico per il 2012 e per il 2013, ma è ancora presto per dire che il peggio sia passato […]

  

Wall & Street © 2019