I tre milioni del caso Stamina? Assegnati senza gara

cellule

“Dò la mia parola: i 3 milioni che erano stati stanziati per la sperimentazione Stamina andranno alla ricerca sulle malattie rare. Intendo mantenere la mia parola perchè la parte più triste di questa vicenda è che ci sono tante famiglie disperate che si sono aggrappate alla speranza della cura”. Era l’ottobre di un anno fa e il ministro Lorenzin annunciava così lo stop definitivo alla sperimentazione Stamina. Cliccate qui. Dopo la delusione dei 36 pazienti che si erano visti interrompere le terapie agli Spedali Civili di Brescia, dopo due anni di speranze, di benefici dimostrati, di spese legali, dopo il […]

  

Stamina, ennesima storia all’italiana?

tribunale-aula-faldoni-generica18

Dopo il patteggiamento che segna la fine del processo Stamina arriva il ricorso al patteggiamento. A presentarlo, in Cassazione, non è la procura che accusò i vertici di Stamina Foundation di truffa, associazione a delinquere e somministrazione di farmaci imperfetti (calcolando le pene edittali, sulla carta, Guariniello chiese 27 anni di carcere per Davide Vannoni e poi acconsentì a una sua condanna a 22 mesi). Ma sono proprio tre degli imputati – Davide Vannoni, Gianfranco Merizzi, numero uno della casa farmaceutica Medestea, e la biologa Erica Molino – a voler archiviare il patteggiamento, in apparenza a loro favorevole, e chiedere […]

  

“La Sma migliora con le staminali mesenchimali”

Sarà presto pubblico un articolo scientifico che valuta i miglioramenti su tre bambini malati di Sma1 trattati all’ospedale Brescia con le infusioni di cellule staminali mesenchimali. Il lavoro, co-firmato da Marcello Villanova e John Bach, mostra che questo tipo di cellule è in grado di restituire tono ai muscoli e ridurre, in parte,  il “respiro paradosso”, quello diaframmatico tipico della malattia. È la prima pubblicazione al mondo a considerare gli effetti delle staminali mesenchimali allogeniche sulla Sma, malattia degenerativa orfana di cure. Sono i bambini di Stamina? Certo che sì. Ma nel lavoro non si parla di Stamina, non si spiega come vengono […]

  

Stamina, ecco cosa non torna

Abbiamo appreso in questi giorni che gli imputati del caso Stamina, al momento sei su 13, patteggeranno in cambio di uno sconto di pena. Nel caso di Davide Vannoni, che rischia più di tutti gli altri, il rito abbreviato comporterà una pena “al di sotto dei due anni”. Se pm e giudice saranno d’accordo, l’inchiesta, per chi patteggia, si concluderà il 3 febbraio. Per gli altri si andrà a processo. Al momento pare che intendano rinunciare al patteggiamento Gianfranco Merizzi, patron di Medestea e Marino Andolina, vicepresidente di Stamina. Ma le carte si potrebbero sparigliare ancora nelle prossime ore. Per […]

  

“Vietato prendere le cellule Stamina”, ma la diffida non esiste.

La notizia di ieri, rimbalzata stamane dai media è: “Aifa diffida Spedali di Brescia dal procedere al prelevamento e al conseguente trasferimento cellule Stamina”. Dunque, nessun esperto potrà prelevare le ampolle per farle analizzare. Nè Camillo Ricordi a Miami, nè gli altri professori italiani che si sono accodati in questi giorni. Il collega dell’Ansa parla addirittura di un testo della diffida e lascia intendere di averlo letto. Il commissario degli Spedali Ezio Belleri risponde pure, ieri sera prima di cena. “La nostra azienda si uniformerà alle determinazioni che le autorità sanitarie riterranno di adottare” . Tradotto: obbedisce. Anche il collega […]

  

Gli scoop di Nature? Le vecchie tesi sconfessate dai giudici

Oggi i media hanno riportato un servizio di Nature curato da Allison Abbot. Eccolo. Si parla delle dimissioni di alcuni scienziati – poi ci soffermeremo – e si riportano fatti stravecchi, smentiti dai giudici in due tornate, prima dal Tar di Brescia nel novembre 2012, poi da quello Lazio, il 4 dicembre 2013. E pure dallo stesso ministero. Le prove schiaccianti Nature parla di prove schiaccianti contro Stamina. Dove pesca la Abbot? Nelle solite ampolle sequestrate dai Nas e fatte analizzare a Modena. “Non ci sono staminali, ho trovato inquinanti” dichiarava Massimo Dominici dell’università di Modena al Corriere. Guardate qui. […]

  

Fra Cattaneo e Ricordi spunta il benefattore

Leggete qui. È l’articolo che Elena Cattaneo, la ricercatrice dell’università di Milano nominata senatrice a vita da Napolitano, ha scritto su la Stampa contro Camillo Ricordi, il direttore del centro Trapianti e dell’istituto di ricerca sul diabete di Miami, “colpevole” di volere analizzare nel suo centro in Florida le staminali del metodo Stamina. Fantasiosa e astiosa. Cattaneo scrive che “Ricordi si lascia andare con la fantasia, facendo danni in Italia” quando dice che “se le staminali mesenchimali non diventano neuroni in vitro possono sempre diventarlo in vivo”. E parte lei per un viaggio tra le nuvole in compagnia di cammelli […]

  

Quando gli scienziati dicono bugie: le staminali possono diventare neuroni

In luglio, sul quotidiano la Stampa la senatrice a vita, Elena Cattaneo dichiarava che “ad oggi non è possibile trasformare le staminali mesenchimali – che possono dare origine a tessuto osseo, cartilagineo o adiposo – in neuroni”. La Cattaneo è stata chiamata in Parlamento per dirimere le questioni di scienza. E quando è stata interpellata sul metodo Stamina si è sempre lasciata andare a dichiarazioni pesanti, come: “Non è un metodo”. O: “Quello che è successo in un ospedale pubblico è una vergogna per l’Italia”. (Per la cronaca, nell’ospedale pubblico sono stati trattati 36 pazienti gravi, nessuno di loro è […]

  

Il Papa prende in braccio la bimba malata e le dice: “Tu andrai avanti”

Davanti a 50 mila fedeli riuniti in piazza San Pietro, papa Francesco ha chiesto di pregare per Noemi, la bimba di 16 mesi malata di Sma che è in attesa di ricevere le infusioni Stamina. “Noemi è una di noi. Mi permetto di chiedervi un atto di carità. In silenzio chiediamo al Signore che l’aiuti in questo momento e le dia la salute”. Lo ha fatto stamattina, dopo la catechesi dell’udienza generale. Poco prima l’aveva accolta nella sua residenza, casa Santa Marta, assieme ai suoi genitori. L’aveva presa in braccio, sorridendo, e con quell’accento simpatico che richiama su di sé […]

  

Stamina, quando il giudice legge Nature

Ho trovato su internet una lettera toccante. Un papà modenese di 53 anni, malato grave di Sla, avrebbe voluto provare a curare i suoi sintomi con le staminali mesenchimali del metodo Vannoni, ma un giudice glielo ha impedito. Ecco cosa ha scritto. Ho 53 anni. Il 20 luglio 2012 mi hanno diagnosticato la Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA). Se i giorni sembrano tutti uguali, quel giorno per me è stato diverso da tutti gli altri. Fino a un mese prima, avevo una vita molto attiva: per lavoro facevo 6 viaggi all’anno negli Usa e il resto lo dedicavo alla mia famiglia, […]

  

Stamina, la rabbia e la cura, lettera al ministro Lorenzin

20130704-222031.jpg

Cara ministro Lorenzin, l’argomento Stamina tocca questioni che ci stanno a cuore: le aspettative di chi soffre, la dignità della vita, la scienza e l’etica. La coinvolgiamo nelle nostre riflessioni poiché lei ha iniziato il suo incarico accettando di sperimentare il metodo Vannoni. Per mestiere e per vocazione amiamo la chiarezza. Lo scopo di una sperimentazione scientifica è quello di mostrare al mondo se una terapia risponde alle aspettative oppure no. O se lo fa soltanto in parte. Da ministro del bene più prezioso, lei, si è impegnata con i sofferenti. Ha rassicurato le famiglie, ha incontrato le autorità, ha […]

  

La pietà di Veronesi per Sofia

Torniamo a parlare di Sofia, la bimba affetta da una grave malattia degenerativa per la quale non esiste cura ( nonostante ciò le si sta impedendo di curarsi con l’unica terapia che la fa stare meglio ). Oggi l’oncologo Umberto Veronesi ha dichiarato all’agenzia Agi che “non si può togliere la speranza a nessun malato”. Ecco le sue parole:  “Bisogna considerare due aspetti diversi, il primo è quello scientifico, il metodo (Stamina con il quale i genitori vogliono curare la loro figlia) non è  provato e questo è stabilito da coloro che hanno guardato a fondo. L’altro è un problema […]

  

Il Blog di Gioia Locati © 2019