Quel bronzo di Riace

Il sindaco di Riace, Domenico Lucano, è un condottiero, si leggeva qualche anno fa sul Corriere della Sera: «A Riace convivono un arcobaleno di identità venute dal mare, per ritrovare la loro dignità». Colui il quale recuperava case abbandonate dai migranti italiani negli anni sessanta e le trasformava in residenze e luoghi di lavoro per immigrati era infatti diventato una sorta di madonna pellegrina, testimone della bontà dell’accoglienza e di quei valori di dignità umana calpestati da cripto razzisti di tutte le risme. Un simbolo dell’altra Italia, quella buona e colta, dabbene e pregna di moralità. Da ieri, Domenico Lucano […]

  

I peccati di Mons. Galantino

Come nel film di Steven Spielberg anche da noi c’è un soldato da salvare, ed è lui: Nunzio (Ryan) Galantino, segretario generale della Cei, combattente indefesso della più retorica delle battaglie, quella per l’accoglienza illimitata di tutti i migranti del globo terraqueo. Campione di ecumenismo e di rimbrotti. Giudice moralista che si erge una decina di metri dal suolo per impartire lezioni di politica alle classi dirigenti mentre infuriano tempeste impetuose da cui nessuno riesce a tirarsi fuori. Ma lui ha la soluzione ed è quella più netta e definitiva. Ogni sua dichiarazione è una sentenza ed ogni intervista un […]

  

Prima gli italiani.

Vi immaginate se il refrain ‘Prima gli italiani’ col quale neo-sovranisti, tardo destristi e nazionalisti del terzo millennio tappezzano quotidianamente i muri delle nostre città e si sollazzano taluni nostri politici, fosse supportato da una legislazione che ne attuasse nella pratica gli intenti? Cioè se divenisse programma di governo con l’opportunità di permeare nel concreto l’azione pubblica attraverso politiche industriali e sociali con l’intento strategico di dare priorità ai nostri connazionali? Alla levata di scudi dei soliti intellettuali in servizio permanente effettivo e dei parlamentari usi a crogiolarsi nella mestizia di concetti ormai vuoti come democrazia e uguaglianza, seguirebbero dichiarazioni […]

  

Gli immigrati si ribellano. E la colpa è nostra!

La rivolta scoppiata lunedì pomeriggio nel campo profughi di Cona, ex base missilistica del veneziano, dove vi sono oltre mille richiedenti asilo, può essere letta come una prova generale di quanto potrà accadere nell’immediato futuro. Una premessa a quanto si sta già preparando per questo nuovo anno quando l’arrivo della primavera e delle belle giornate metterà di nuovo in moto la serie incessante di sbarchi sulle coste. A Cona, oltre ad aver bruciato suppellettili e tenuto sotto scacco per ore le forze dell’ordine, i rifugiati hanno pensato bene di fare degli ostaggi. Nel caso specifico, 25 operatori tra medici, infermieri […]

  

Sindacati, inutili catafalchi.

All’università fui costretto a fare la tesi di laurea sul movimento cooperativo cattolico. E il termine ‘costretto’ non è un eufemismo. I professori dilatavano i tempi di assegnazione e l’anno di militare era sempre più vicino. Avevo tutt’altre idee per la testa ma nel medio termine mi fu prospettata solo questa possibilità. Avessi insistito su temi a me cari, sarebbero passati almeno due anni. Dunque , partì male e finì peggio perché avendo molti pregiudizi sul sindacalismo non mi appassionava l’idea di stare chino sui libri. Avevo nella testa quello a me più prossimo, ideologizzato e fuori dal tempo; che […]

  

Caro Mentana, prima gli italiani.

Caro Direttore Mentana, hai parzialmente ragione. Un attimo dopo il boato terrificante di una terra che si squarcia e divora per sempre storie personali e collettive e mentre c’è chi scava i morti o tenta di salvare creature di pochi anni, è da sciacalli intorpidire le acque. C’è da fare una sola cosa: rimboccarsi le maniche ognuno a proprio modo; con donazioni, andando in quei luoghi, mettendosi a disposizione della Caritas e di altre associazioni sempre attive sul territorio. Però, come dicevo, hai parzialmente ragione. Conosciamo le manchevolezze del nostro Paese e delle istituzioni. Sappiamo cosa accade solitamente in ogni post-terremoto. […]

  

La figlia del ministro Padoan fa la barricadera

La figlia del ministro Padoan fa la barricadera. Sulla sostanza della lotta nulla da eccepire. Da quello che si è capito questi attivisti di cui fa parte Veronica Padoan, appartenenti alla rete «Campagna in lotta», monitorano vicende poco chiare legate a Rignano Garganico dove si troverebbe una baraccopoli con 2.000 lavoratori agricoli extracomunitari. Dunque, poco da dire sull’impegno politico che parrebbe dalle informazioni fin qui rese note dalla stampa anche condivisibile. Ma il fronte dialettico è un altro. Innanzitutto questi figli di lotta e di governo rappresentano una peculiarità antropologica. Un caso di studio per esperti del settore. Vorrei farli psicanalizzare. […]

  

La Boldrini ci vuole ‘femmine’.

Dopo tanto peregrinare stiamo per giungere alla meta e non ne avevamo dubbi. Laura Boldrini, titolare della cadrega più importante alla Camera dei Deputati, invita tutti, anche i maschietti, ad essere ‘femministi’. Sorvolo sulle tonalità monocordi delle sue prediche e trascuro il malessere che mi provoca quella lamentazione ovattata e raccolta che si manifesta ogni qual volta profferisce parola e diventa (almeno per me) indistinguibile da quella di Concita De Gregorio. Ometto il fatto che questo suo essere ortodossa la faccia risultare inadatta per un ruolo di garanzia visto che su quella poltrona si sono comportati allo stesso modo quasi […]

  

Immigrati? Spesso dei vigliacchi

Non ne posso più della retorica degli immigrati che fuggono dalla guerra. Farò anche il pieno di insulti, ma poco importa. Il fatto di essere sempre dalla parte della ragione solo perché si dileguino dinnanzi a conflitti e guerre civili sta diventando intollerabile. Ammetto ogni sorta di comprensione e di pietà per donne, bambini e anziani, tollero le leggi internazionali che obbligano al soccorso e alla protezione (e l’Italia in questo senso sta dando lezioni di umanità e di fratellanza), ma non riesco più a sopportare giovani o signori maturi che arrivano sulle nostre coste dopo aver girato le spalle […]

  

Il blog di Luigi Iannone © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>