Il futuro del lavoro

La pandemia ha provocato un crollo dell’occupazione del 10% circa. La ripresa è cominciata nel 2021, ma c’è ancora molto da fare e la guerra in Ucraina si inserisce in un contesto difficile nel quale alla fine del 2022 si stima una crescita dello 0,25% rispetto ai valori pre-Covid. È quanto evidenzia una ricerca del Censis commissionata da Assosomm, l’associazione Italiana delle agenzie per il lavoro. Bisogna tenere presente che la ripresa è fortemente sostenuta dagli investimenti pubblici: nel settore dell’edilizia,, grazie al Superbonus 110%, si è giunti sostanzialmente alla “piena occupazione” e i margini di un’ulteriore crescita sono molto […]

  

«Al Pnrr serve l’outplacement»

Priorità del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) è far ripartire rapidamente il Paese puntando sulle aziende e sul loro capitale umano. In quest’ottica il 2021 dovrebbe essere l’anno del riconoscimento della validità dell’outplacement, ossia dei servizi di riqualificazione e la ricollocazione nel mercato del lavoro. Nel 2020 Intoo, società di outplacement di GiGroup, ha supportato oltre 1.000 persone tra dirigenti, quadri, impiegati e operai (per lo più sopra i 45 anni) che nell’85% dei casi hanno ritrovato un’occupazione in circa sei mesi e mezzo. Il 70% si è ricollocato come dipendente, la parte restante ha optato, invece, per […]

  

Scritto in Lavoro - Tag: , , , , , , , , , , ,
Commenti disabilitati su «Al Pnrr serve l’outplacement»
Wall & Street © 2022
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>