Se la felice sorpresa si chiama Dostoevskij

Lo trovi dove meno te lo aspetti. E l’effetto sorpresa è tale che potrebbe portarti a tirarlo su dal banco, aprirlo, sfogliarlo e – infine – portarlo dritto alla cassa della libreria per acquistarlo. Chi frequenta le librerie può capire di cosa parlo. Trovare una nuova edizione di Delitto e castigo nel bancone delle novità editoriali è un balsamo rigenerante. In un’edizione, peraltro, molto prestigiosa. Einaudi, infatti, ha deciso di ripubblicarlo nella collana dei Supercoralli con una nuova traduzione. A firmarla è Emanuela Guercetti, insignita proprio quest’anno del prestigioso Premio Gorky per la traduzione. Insomma gli ingredienti ci sono tutti […]

  

La più grande libreria del mondo? Si trova a Parigi

Purtroppo non bastano più le norme protettive (vecchie quasi di trent’anni). Per arginare il pericolo rappresentato dal web i librai di Parigi hanno deciso di coalizzarsi. Uniti possono fare la differenza e sconfiggere, così, il colosso Amazon. La capitale francese vanta già il record di metropoli con la rete di librerie indipendenti più ramificata. E da oggi si potrà vantare anche della libreria più grande. Si possono infatti sommare i metri quadrati di esposizione di ben 63 punti vendita e considerare questo risultato come un negozio imbattibile per dimensioni e catalogo. Le 63 librerie, infatti, si sono riunite nel sito […]

  

Il topo di biblioteca diventerà nomade (ma ci vuole tempo)

La cultura è un valore. Ma può essere anche un peso. Una zavorra sotto forma di libri. Tanti. Spesso preziosi, talvolta rari, di solito interessanti, mai inutili. Càpitano, però, anche titoli superati, noiosi. Libri, questi ultimi, il cui peso e volume hanno la meglio sul contenuto. Da qui parte questo blog. Ambisce a essere  strumento utile per liberarsi di zavorre inutili e di segnalare quei titoli che avranno sempre un peso specifico altamente interessante. Chi deve costruirsi una biblioteca deve prima o poi inevitabilmente pesare i volumi. Saggiarne la consistenza e lo spazio occupato e capire quanti possono continuare ad […]

  

Il Blog di Pier Francesco Borgia © 2020