Quattrocento scalini. Quattrocento interminabili piccole rampe per scalare il centro storico di Rivisindoli e puntare, dopo essere stati a Roccaraso, verso Pescocostanzo. E’il percorso della gara dei tre Comuni che si correrà sabato e che io  ho provato questa mattina perchè da domani finite le ferie, si rientra in redazione e mi tocchera ripendere a fare i conti con l’afa e con l’umidità. Quattordici chilometri nel cuore dell”Abruzzo tutti più o meno sopra i 1300 metri; quattordici chilometri su una pista pedonale incantevole ma  anche durissima tra panorami mozzafiato e paesini che sono veri propri fotografie di quell’Abruzzo che si spedisce in cartolina. Gli altopiani di Rivisondoli e delle Cinque Miglia sono là in basso e la corsa gli passa sopra in un sù e giù continuo che non sa cosa sia un metro di pianura. Tecnico quanto basta per permettere a chi cerca la sfida di provare a farla tutta di un fiato, tecnico quanto serve per ospitare il prossimo anno i campionati di corsa in salita. Insomma una corsa vera che merita un week end, come ho scritto ieri. C’è ancora tempo. Ci si può iscrivere fino a qualche ora dalla partenza.