Mettersi in coda per far fatica…

In un Paese dove in molti le code le saltano c’è chi si mette in coda per la propria, enorme, razione di fatica. E chissà perchè poi. In un’epoca dove tutto è a portata di clic, dove basta il lieve movimento del polso per portare il mouse sul mondo che si vuole scoprire, c’è ancora chi ( tantissimi per fortuna) ama conquistarsi la vita con il sudore, con la sofferenza, tormentando i muscoli.  Chi l’ha fatta non se la dimentica più la Otztaler Radmarathon . E’ davvero una fatica anche per chi è abituato alla fatica. Una classica, molto di più. E’ […]

  

Otztaler radmarathon, il tormento (e l’estasi) della bici

Dura è dura.  Anzi. Dicono sia la più terribile tra le granfondo che si pedalano sulle Alpi. Ma si sa come vanno queste cose. Uno si iscrive,  macina salite su salite, chilometri su chilometri e poi magari ha anche la sfortuna di beccare la giornata storta perchè piove o nevica. E con questa estate non è che sia un’ipotesi così fantasiosa. E allora quando arriva al traguardo non riesce a credere che sia finita. Così quando la racconta un po’ esagera…Ma non va così per la Ötztaler Radmarathon. Chi l’ha fatta non se la dimentica più. E’ davvero una fatica anche […]

  

Otztaler radmarathon, quando in bici la gara si fa dura…

Quest’anno il fiore sarà una genziana blu, simbolo di fedeltà e pianta nazionale in terra d’Austria tanto da essere stata coniata sulle monete da 1 euro. Però non fatevi ingannare. La genziana è un fiore gentile ma non renderà più dolce la fatica, non almeno ai ciclisti che il prossimo 25 agosto  correranno la Ötztaler Radmarathon. Dice chi la organizza che è la gara più dura che si possa correre su una bici e non so fino a che punto sia solo uno slogan. Chi osa affrontare questa prova alpina sicuramente non sa immaginarsi una vita senza tornanti, salite e […]

  

Otztaler Radmarathon, al via anche Jan Ullrich

Si parte domattinma alle 6.45. E questa è, con un po’ di retorica, è l’unica certezza perchè nella Ötztaler Radmarathon, la corsa più dura delle Alpi nessuno può scommettere su quando poi taglierà il traguardo. Sette ore di tempo massimo ma bastano due nuemri per rendersi conto di quanto la poesia della bicicletta a volte diventa un’altra cosa: 238 chilometri e 5.550 metri di dislivello su un percorso completamente chiuso al traffico. Da Solden nella valle tirolese dell’ Otztal,  attraverso il Kühtai (2.020 m), si scende in direzione Brennero (1.377 m), si sconfina in Italia a Vipiteno,  si scalano i passi […]

  

il blog di Antonio Ruzzo © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>