Fabian “Ironman” a Pescara

Alessandro-Fabian-credit-Viviano-Fabian-800x495-800x495

Ventinove anni sono l’età giusta per fare un’olimpiade per pensare che se ne può  fare un ‘altra ma anche, evidentemente, che si possono  aggiungere  fatica a fatica e chilometri a chilometri.  Dipende dalla voglia, dai sogni che uno ha e, forse, dipende anche un po’ dal destino.  E Alessandro Fabian , il carabiniere azzurro del triathlon, 14mo agli ultimi Giochi di Rio, al suo destino va  quasi sempre incontro sorridendo. E’ il suo bello. Con quell’aria un po’ guascona che sembra quasi sia lì per caso a giocarsela con i migliori. Per caso però ai suoi livelli non si fa quasi nulla. […]

  

Pesci combattenti, il primo tuffo

Cattura

«Non sono star da copertina Ma campioni. Campioni davvero. E guardare loro, il loro esempio, ammirare la loro tenacia, e capire il valore delle loro prestazioni non può non far riscoprire il senso dello sport, quello vero e anche il senso più profondo della vita, vissuta fino in fondo. Per questo mi è venuta voglia di raccontare il loro percorso sportivo che da Milano li ha portati fino ai Giochi di Rio». I «Pesci combattenti» sono Federico Morlacchi, Arjola Trimi, Alessia Berra, Arianna Talamona, Giulia Ghiretti, Fabrizio Sottile, Francesca Secci, Simone Barlaam e Giuseppe Romele tutti nuotatori paralmpici azzurri. E […]

  

C’è lo Stelvio, non è un caso…

ste

In un giorno di infinita tristezza fa piacere pensare che domani al Giro c’è lo Stelvio. C’è anche lo Stelvio perchè prima si sale sul terribile Mortirolo poi sul Giogo di Santa Maria. Ma quando c’è lo Stelvio c’è lo Stelvio. E domani c’è per due volte che forse è anche un po’ una follia. Ma non è un caso, forse è destino. La prima da Bormio, l’altra dal versante svizzero anche se poco cambia perchè qualsiasi cosa accada e da qualsiasi parte si salga lo Stelvio resta la montagna di Fausto Coppi, la montagna dove molto è cominciato e […]

  

Nove Colli come un rock

unnamed

La Nove Colli è un po’ come il rock gaelico e antico dei Jethro Tull che ieri sera hanno suonato a Sogliano, pochi chilometri più in là di Cesenatico.  Musica per  chi se ne intende, il rock come il ciclismo, come la granfondo più antica d’italia, come la Romagna, passioni che smuovono le anime. La Nove Colli è un assolo, sono tante variazioni di flauto come solo sapeva (e ancora sa fare) fare il mitico Ian Anderson che ora dalle sue parti in Scozia, oltrechè soffiare nel suo flauto magico pare allevi salmoni dando lavoro ad alcune centinaia di riconoscenti […]

  

Come si fa cultura in bici?

Come si fa cultura in bici sinceramente non lo so… Però è un punto importante per cominciare. In questi giorni di incidenti, di morti e feriti, di angosce che poi ognuno si porta in sella ho letto spesso che in Italia non c’è cultura della bici. E cosa significa? Che il dibattito e la rabbia dei pro e dei contro non porta a nulla? Forse. Oppure , come ha scritto qualcuno pensando che la cultura abbia a che fare con il meteo,  che dai noi bastano due goccioline di pioggia a spegnere qualsiasi ardore ciclistico? Non so cosa significhi fa […]

  

Giro, cent’anni in un bitter

cre

Nibali, Quintana e Dumoulin se la giocheranno sulle Dolomiti la maglia rosa quest’anno. Come sempre. Ma forse anche nell’ultima tappa, la cronometro da Monza a Milano, dove si potrà decidere ancora qualcosa. Forse tutto. Penseranno a vincere ovviamente. Anche sfilando a Sesto San Giovanni davanti al quartier generale della Campari, un marchio una storia capace di raccontare un secolo di Giro, di bici e di ciclisti ma anche d’Italia e di italiani. Un simbolo che torna quest’anno, nell’edizione del Centenario con le immagini di arrivi, partenze, campioni, di «bottiglione» al traguardo, sulle auto della carovana, nelle foto con i bersaglieri […]

  

In bici si muore, chissenefrega dei numeri

Dice bene Vincenzo Nibali in un tweet: “Minchia la volete capire che siamo la parte debole…”. In bici si muore e il resto sono chiacchiere. Anche i numeri sono chiacchiere: un morto ogni 35, 45 minuti. Chissenefrega delle statistiche. La realtà è che esci in bici su una statale, su una provinciale, su un viottolo di campagna dove sfrecciano furgoni e trattori e ti fai il segno della croce. Oggi va bene, domani anche, dopodomani magari chissà. Come Scarponi, come Froome, come  Hayden che loro fanno notizia. POi ci sono tanti signori qualunque che vengono spazzati via ogni giorno e […]

  

Deejay chiama Triathlon…

ti

Deejay chiama triathlon e il triathlon risponde con un tutto esaurito che era annunciato ma forse non con tre settimane d’anticipo. Deejay chiama triathlon, anche se Linus e Nicola non saranno della partita.  Ma un po’ ci saranno, immanenti  come tutto ciò che ruota intorno al mondo di questa radio che con il mondo dello sport sa comunicare e che con il mondo dello sport fa numeri da stadio.  Ora tocca al triathlon, ” All’’Idroscalo abbandonato che tornerà agli antichi splendori e forse anche di più…» aveva promesso Linus, il consulente dei grandi eventi voluto da Beppe Sala a Palazzo […]

  

In pianura a 70 all’ora…

Giro d'Italia 2017

Spalle ferme, pedalata rotonda,  traiettorie sicure e braccia sulle protesi. Facile. Così in bici si va a settanta all’ora in pianura. E a settanta all’ora, se non si fanno magheggi, non si va neanche con un cinquantino, neanche in scooter. Anni fa,  ma era preistoria, a settanta all’ora ci arrivava a malapena lo Stornello 125 della Guzzi che usavo per andare al liceo. Ci arrivava ma arrancava. E infatti, ogni tanto, bisognava mollare il gas per dare un po di riposo a bielle e pistoni.  Bisognava far respirare il motore per non bollirlo. Ma Tom Dumoulin, lo spilungone olandese della […]

  

Bici, Milano pedala (adagio)

unnamed

La quinta edizione di Cyclopride è stata una festa, con tanto di partecipata pedalata finale, ma anche l’occasione per fare il punto sulla mobilità dolce. Sulla possibilità che muoversi in bici possa diventare (come sta diventando) un’alternativa anche per un uso «lavorativo» delle due ruote e non solo ludico.  Che poi sarebbe la vera svolta. E’ stata l’occasione per tirare le somme sulla sicurezza e sulla ciclabilità del Paese ma soprattutto milanese. «Sono state due giornate con la bici al centro – si legge in un post su Facebook dell’assessore alla Mobilità Marco Granelli -. Sì, perché Milano vuol essere […]

  

Ilaria, un triathlon da Guinnes

ila

Una fatica da Guinness . Partirà il primo giugno dal pontile di Lido di Volano la sfida di Ilaria Corli, 30 anni piacentina, due lauree nel cassetto in matematica e management dello sport ed una in arrivo in scienze motorie, che proverà a finire il triathlon più lungo di sempre in solitaria. Un record che batterà un altro record e che poi (probabilmente) qualcuno proverà ancora a battere. Settemila chilometri in ottanta giorni. Roba da far venire i brividi anche ai più audaci. Roba che si fa fatica solo a pensare, a immaginare. Anche a scrivere. Una sfida infinita nuotando fino […]

  

Dossena, tra tricolore e speranze

18451802_634853166713993_3774030646311284096_o (1)

Sara Dossena è la nuova campionessa italiana dei 10mila.  Tricolore che sventola in pista oggi Roma  con un tempo di 33”11″98 , un minuto e mezzo abbondante meglio del suo personale su questa distanza,  che ha permesso all’atleta del Laguna Running di mettersi alle spalle Rosalba Console ( 33.18.34) e Fatna Maraoui ( 33.45.18). Si parla di atletica e non di triathlon, meglio chiarire.  E ciò significa due cose. Che la Dossena  che un fenomeno e che se l’atletica vede trionfare un’azzurra che arriva dalla corsa  ma che oggi pensa e si allena da triathleta agli assoluti qualche domanda se […]

  

il blog di Antonio Ruzzo © 2017